Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 12/08/2019 12:00:00
Pagina aperta 138 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 18 13:13:00 UTC+0200 2019

Incroci obbligati

di Enea Roversi (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Miscredenza

 

Sul tavolo della cucina un coltello

osservo la sua forma e la lama seghettata

osservo la mela rotonda e verdastra

chiedo al mio cervello un momento di pausa

chiedo alla mia coscienza di riposare

ho respiri affannati in questi giorni

ho vecchi pensieri e rigurgiti nuovi

dalla finestra strade grigie e muri gialli

che cosa manca a questo cuore codardo

per essere un cuore che vale qualcosa

che cosa manca a questa vita sfilacciata

per essere non so per non essere cosa

sono alla ricerca di una miscredenza

una forma di fiore di ordine di voto

cerco la chiave che non ho mai posseduto

allineo verbi soggetti nomi senza carne

muovo il dito sul mappamondo in rilievo

laggiù ci sono io mi dico e mi raggela

questa inconfutabile microcosmica verità

sapessi almeno il motivo della mia presenza.

 

 

Sciopero dei trasporti

 

Rispetto per la forma per le cose per

le persone menti sconnesse scatolame

non vediamo cosa succede là davanti

la fila è un’interminabile serpe malinconica

sciopero dei trasporti lo ha detto la tivù

rispetto per le cose per i nomi per

le forme deformanti del progresso

religioni un tanto al chilo ostia e prozac

la fila per la comunione per la spesa

per il mare rigonfio di atomi malati

un’unica fila lo stesso destino stop.

 

 

Le notizie meteo

 

S’impone il cambiamento lo dicono gli osservatori

lo dice pure il pensionato al bar davanti al suo

fernet trangugiato d’un fiato e chi se ne frega

del fegato malato non ha più nulla da perdere

nulla per cui sperare di vincere soltanto noia

il tempo dell'attesa joie de vivre dove ti sei

nascosta miserabile puttana da due soldi

ancheggiavi vaporosa di odori fatui pensa

e ora invece il rischio dell’incontinenza

averlo saputo che finiva così con queste rughe

un sorriso sdentato un vestito sgualcito

averlo previsto    le notizie meteo danno sole

per il weekend     una previsione almeno c'è.

 

 

 

[ da Incroci obbligati, Enea Roversi, Arcipelago Itaca ]

 

 

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »