Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 02/07/2012 12:00:00
Pagina aperta 1835 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 00:33:00 UTC+0200 2019

Dolòmie parlanti

di Alfonso Lentini (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 8 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


Poesie oggettuali di Alfonso Lentini.

Installazione nell’evento: L=mc2, Montagna contemporanea nel quadrato


A cura di Vito Vecellio, Lorenzago di Cadore, 9/17 giugno 2012

 

*

 

Se le rocce delle Dolomiti potessero parlare, come si esprimerebbero? Che scritture, che alieni alfabeti le attraverserebbero?

Le montagne sono croce-vie, vie di croci, incroci di dolore e speranza.

Poste a segnare confini, sono anche luoghi di transito e incontro. Invitano ad aspri passaggi, varchi perigliosi. Narrano incontri con la differenza.

Proiettate verso la stratosfera, sono interfacce fra regioni e culture diverse. Avventurieri di ogni risma, clandestini, soldati, barbari, folli, anacoreti, ribelli, sognatori le hanno percorse nei secoli e nei millenni. Popolate da esseri fiabeschi, animali leggendari, fantasmi, forse hanno visioni metafisiche.

Se le Dolomiti potessero parlare, parlerebbero attraverso mille lingue e mille alfabeti, avrebbero voce babelica, intonerebbero un coro irrequieto e dissonante per dar vita a un racconto plurale.





# 8 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »