Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 14/06/2010 12:00:00
Pagina aperta 1775 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 23 02:37:00 UTC+0100 2020

Quei trionfali espressivi laudati ghigni (inedito)

di Francesco De Napoli

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


        Quei trionfali espressivi laudati ghigni
d’odio - malanimo repulsione livore? -
erano veri sorrisi per i fotografi,
istantanee professionali e commosse
istanze nobilmente pronte per l’uso.
Testimonianze d’intenti mirabili
istinti di lusinghe leggere
incontri senza limiti e tracce.
        Il lezzo alla brace d’umane carni
toglie il respiro impesta l’aria
e l’abbaiare furioso dei cani
resta l’unica nota cristiana.
        Gelidi bagliori su caritatevoli
convenienti e caineschi rituali,
composte cronache di superbe delizie:
civico canzonatorio prevaricare
ossequioso e grato dei trenta denari
con devozione offerti alla mensa pasquale.
        Leggiamo un mattinale a caso:
“Nonostante la tragedia americana”.
Ben altre dell’historia, sono, le infinite tragedie.
Se mai tornasse Cristo a predicare
andrebbe dritto in una bidonville,
in deserti immutabili di larve
fra migliaia di cadaveri bambini.
Lì - dicono - il redentore abbia dimora…
Tutto contempla e ignora
incomprensibilmente mite, rassegnato:
un illuso sognatore disperato, umiliato
dalle troppe miserie - per l’appunto terrene
- ideate e volute dal Padre
        onnisciente Creatore.

# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »