Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 10/12/2018 12:00:00
Pagina aperta 295 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 16 21:18:00 UTC+0200 2019

Si fa per dire

di Leopoldo Attolico (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

*

 

Ti ricordi dell'amore appena in tempo.

Come una nube improvvisa fa da schermo al sole

così le tue parole ritornano sul viso

lo stupore di esistere

la disabitata tristezza di conoscersi

 

Forse il tuo amore, ora

è in questo breve margine: nel ritornarmi

un addio negli occhi oltre l'impossibile,

oltre un morire silenzioso e immane

 

Ed io non so se piangerne o sorriderne

 

*

 

VERSO LA TOFANA DI ROZES

 

Sulla strada bianca si colora la sera

cammeo folletto di roccia.

Scende dalle malghe l'eco della sua ombra

brivido nel vento si allontana...

 

Nulla si muove.

Tutto si consuma.

Incontro alla notte

nave alla fonda il tuo cuore nel mio

che ti cammina accanto

 

*

 

ADRIANO HA TRE ANNI

 

Dalle tue dita la musica

giunge ai miei foglietti

tribolati antagonisti del tuo amore

 

Il tuo amore è come questo bimbo

che entra sorridente

per scompigliarmi con i foglietti il cuore

 

E poi resta a guardare...

 

*

 

ARIA

 

Stabile

ti viene negli occhi la tua luce

quella striatura grigia

giuncaia di palude che affonda nella sera

 

Aria di passeggiata

nel tuo vestito che si gonfia incontro al vento

polla festosa e senso...

 

Nel sereno disordine del cuore

aria di partenze e di approdi

e la vita aperta davanti come un fiume

incontro al mare

 

*

 

VERSAILLES

 

E' la terra che si veste di te

della tua gonna a fiori;

perché sei tu la gemma stravistosa

nel suo giardino a sciarpa,

il crescendo di gioventù

che lo respira bocca a bocca.

E quel tuo andare leggera

è una ferita che non guarisce più;

come l'amore

quando stilla sul mondo un batticuore

e poi s'inciela

 

 

 

Da I colori dell'oro, 1975-1987, Caramanica Editore, 2004

ora in Si fa per direTutte le poesie, 1964-2016, Marco Saya Editore, 2018

 

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »