Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 14/02/2011 12:00:00
Pagina aperta 3048 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 17 23:04:00 UTC+0100 2020

Due poesie inedite

di Maurizio Soldini (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


I canneti le giravolte delle nuvole

I canneti le giravolte delle nuvole
i falchi nei voli circolari e a picco
le acque stagnanti intorno ai covoni
i sussurri delle anime le stamberghe
del dolore i crocefissi appesi ai bivi
le sagome degli spaventapasseri
le asole dei miei bottoni e le mie dita
a passo di lumaca in spazi aperti dal destino.

(2011)

 


Sempre disperso nel mutare suoni

Sempre disperso nel mutare suoni
in filigrane di ricorsi nuovi
si ricompone muto di astrazione
il camminare nelle strette vie.

Sui fondali delle indecisioni
si riflette a specchio il vento
dalle sortite della tramontana
a ripiegare sul discrimine dell’onda.

S’avanza svelto nella sua penombra
il limite del sortilegio sciolto
nel dubbio superato dalla voce
che spazia in canti di avvenire.

(2011)


# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »