Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 01/05/2011 12:00:00
Pagina aperta 2626 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 30 22:31:00 UTC+0200 2020

Primo Maggio

di Maria Musik (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 28 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


[ La poesia è letta dall'autrice, alza il volume ]
 

*

Da quanno che er monno è monno

Puro prima che lo sapessero rotonno

Dalla tera s’arzava forte er coro

Dell’ommini che chiedeveno pane e lavoro.

 

Pane vor dì vive senza fame

Lavoro cresce li fiji ner decoro

Ma oggi nun se fanno ponti d’oro

A chi vò guadambiasse er pane cor lavoro.

 

Le fije le vonno belle e tutte “…ine”

Sordi facili pe’ fa la rima co’ sguardrine.

Li maschi mejo se li crescemo carciatori

Chè tanto nun paga gnente diventà dottori.

 

Semo sicuri che nun è mejo

Avecce sulle mano er callo

Che immaginasse la regazzina tua

Mentre che bascia de ‘na statua er fallo?

 

E abbasta co’ la minchiata de’ la crisi

Doppo la guera ereno tutti smunti e lisi

Eppuro hanno cacciato della morte er lezzo

E rifatto l’Italia pezzo a pezzo.

 

Ar grido: “Vojo la libbertà oppure moro”

Hanno creato ‘na Repubblica fonnata sur Lavoro

E noi sta meravija la zozzamo?

De’ li padri fede e memoria rinnegamo?

 

Primo de maggio è er compleanno nostro

Che lavoramo duro e senza lustro

Famo la festa a chi ce vole toglie tutto

Senza er bastone e senza causà lutto.

 

Fino a che ce saranno le piazze e le elezioni

Basterà fasse cresce li cojioni

E nun sarebbe bello

Se, ‘nsieme, ce rimprendessimo er cervello?

 

Disceva nonna: “Si nun voi affogà,

cocca de casa, devi da notà”.

Me la rivenno: “Si voi ancora campà

Quando metti la croce, vedi che poi fa!”



# 28 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »