:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Poco allegretto”, di Manuel de Freitas [collana Poesia]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1344 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 14 16:09:40 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un angelo alla mia tavola

di Janet Frame 

Proposta di Cosimina Viscido »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/02/2011 15:37:56

Ricordo una giornata grigia in cui, i piedi vicino al cancello, ascoltavo il vento tra i fili del telegrafo. Per la prima volta ebbi la consapevolezza di una tristezza esterna a me, o che sembrava venire dal di fuori, dalla voce del vento che gemeva tra i fili. Guardavo su e giù per la lunga strada polverosa e non vedevo nessuno. Il vento soffiava di luogo in luogo sopra di noi, e io stavo lì in mezzo, ad ascoltare. Mi sentivo oppressa da una solitidune e da una tristezza come se fosse accaduto o cominciato qualcosa e io l'avessi intuito. Fino a quel momento, credo di non aver mai pensato a me stessa come a qualcuno che guardasse il mondo; io ero il mondo. Prestando ascolto al vento e alla sua triste canzone, mi rendevo conto di ascoltare una tristezza che non aveva alcun rapporto con me, che apparteneva al mondo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Cosimina Viscido, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Cosimina Viscido, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un angelo alla mia tavola , di Janet Frame (Pubblicato il 30/01/2013 09:51:21 - visite: 1513) »

:: da Amata scrittura , di Dacia Maraini (Pubblicato il 22/01/2012 17:28:37 - visite: 1426) »

:: Amori , di Ovidio (Pubblicato il 05/09/2011 02:21:25 - visite: 1539) »

:: ACCETTARE IL VUOTO , di SIMONE WEIL (Pubblicato il 12/07/2011 19:36:35 - visite: 2973) »

:: Lettera del veggente , di Artur Rimbaud (Pubblicato il 21/02/2011 22:59:24 - visite: 6102) »

:: Santa Teresa d’Avila , di Santa Teresa d’ Avila (Pubblicato il 26/10/2010 11:02:54 - visite: 1306) »

:: da: Gridano i gufi , di Janet Frame (Pubblicato il 13/10/2010 15:45:57 - visite: 1625) »