:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 70 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 1 04:45:35 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il libro aperto a caso: Le rovinose

di Concetta D’Angeli 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/03/2022 12:36:22

 

📖 Aprendo a caso il romanzo “Le rovinose” di Concetta D’Angeli, alla pagina 220, leggiamo:

 

«Lui dice che meditare in solitudine è l’unico sistema per arricchire e approfondire il pensiero, ma mi sa che il suo metodo per me non va bene. Mi sa che non so nemmeno che significa pensare. Io fantastico, oppure rivedo le cose che mi sono successe, le immagini che mi sono rimaste nella memoria; non devono essere i pensieri che intende lui, però. Le sue idee sul mondo, sui comportamenti, sui sentimenti sono, non so, come se non avessero un corpo, mi sfuggono; e le pochissime volte che riesce anche a me di pensarne qualcuna, d’idee, vien fuori talmente traballante e confusa che basta poco e me ne dimentico. Se poi me l’appunto sul diario è peggio, sembrano balbettii d’una bimbetta, sicché sul diario ci metterò solo le mie emozioni e i racconti dei fatti, come capita capita, alla carlona, tanto nessuno vede.
Continuo a descrivere a Silva la mia vita, ma sono storie mezz’e mezze, difficile spiegarle tutto quest’arruffìo e anche certe contraddizioni… Senza contare che è Lorenzo che spedisce le mie lettere, Dall’ufficio è più comodo, ha detto; e siccome può darsi che prima le legga (nei suoi panni io lo farei) non mi piace che mi scopra lamentosa, insoddisfatta e, al solito, inconcludente.»

 

Romanzo presentato al Premio Strega 2022 »


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Il ramo e la foglia edizioni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.