Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1294 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 14 00:16:45 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il ’meraviglioso’ mondo nuovo - omaggio a Huxley

Argomento: Letteratura

di Marisa Madonini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/11/2015 22:31:36


Il titolo 'Brave New World' di A. Huxley è tratto da Shakespeare e precisamente dalle parole pronunciate da Miranda in 'La Tempesta', atto quinto, sul finire della commedia, quando sembra che l’utopia prenda forma politica e Prospero rientri così nella realtà abbandonando la magia per affidarsi alla benevolenza degli altri, ai quali, tornato uomo storico, verrà saldato con l’aiuto di Miranda e Ferdinando.
Il senso di colpa guida Alonso e spinge Prospero : si risolverà nel passaggio dalla preoccupazione per sé a quella della generazione successiva, vale a dire con la rinuncia al potere. Questo senso di riconciliazione e perdono giustificati da una società migliore, più equa e democratica, deve essere piaciuto ad Huxley se scelse alcune parole di Miranda, sul finale del quinto atto, addirittura come titolo del suo romanzo di idee più che di vicende.

Miranda infatti dice :

O wonder!
how many goodly creatures are there here!
How beauteous mankind is! O brave new world,
that has such people ‘n it!

Oh, qual meraviglia!
Quante belle creature si vedono qui intorno!
Oh quant’è bella l’umanità! O splendido mondo nuovo!
che si contiene simili abitanti!
(traduzione di Gabriele Baldini)

Aldous Huxley ebbe uno strano destino: egli fu sempre impegnato tra scienza e letteratura, scrittore quasi cieco e per questo scrittore (avrebbe voluto diventare medico, soprattutto dopo lo shock per la morte prematura della madre quando aveva solo 14 anni ma i suoi occhi si ammalarono gravemente).
Huxley intendeva così conciliare materie scientifiche e umanesimo, da essere sociale e impegnato quale si definiva. Si augurava, sul letto di morte, di essere un po’ più gentili gli uni con gli altri.
Dopo tutti i suoi studi approfonditi e appassionati (era eruditissimo) e viaggi e scritti profetici sull’automazione e la tecnologia, sulla farmacologia e la biologia, sulle filosofie orientali, tra le sue conclusioni troviamo questa frase sulla gentilezza, la disponibilità gli uni con gli altri.
Morì il 22 novembre 1963 ma la sua morte non ebbe l’eco che Huxley avrebbe meritato perché nel medesimo giorno avvenne l’assassinio di J.F.Kennedy. Strana coincidenza questa con la vicenda di Warhol che fu gravemente ferito da un fanatico lo stesso giorno dell’assassinio di un altro Kennedy, Robert e per questo il ferimento di Warhol passò in secondo piano.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marisa Madonini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Esperienze di vita ] Giardino dei Giusti (Pubblicato il 27/06/2015 14:59:25 - visite: 785) »

:: [ Letteratura ] La générosité du génie (Pubblicato il 03/02/2014 12:57:10 - visite: 887) »