:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 156 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 24 22:22:42 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ultimo tango a Sarajevo

Argomento: Poesia

di Marisa Madonini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/07/2021 16:45:24

IZET SARAJLIC

Ultimo tango a Sarajevo

Il novantaquattro, 8 marzo.
La Sarajevo degli amanti non si arrende.
Sul tavolo l’invito per il matinée di danza allo Sloga.
Naturalmente ci andiamo!
I miei pantaloni sono un po’ logori,
e la sua gonna non è proprio da Via Veneto.
Ma noi non siamo a Roma,
noi siamo in guerra.
Arriva anche Jovan Divjak. Dagli stivali si vede
che viene direttamente dalla prima linea.
Quando ti chiede un ballo sembri un po’ confusa.
Per la prima volta ballerai con un generale.
Il generale non immagina l’onore che ti ha fatto,
ma, a dire il vero, anche tu al generale.
Ha ballato con la donna più celebrata di Sarajevo.
Ma questo tango – questo è solo nostro!
Per la stanchezza ci gira un po’ la testa.
Mia cara è passata anche la nostra magnifica vita.
Piangi, piangi pure, non siamo in Via Veneto,
e forse questo è il nostro ultimo ballo.

(1994)

'Qualcuno ha suonato' Multimedia Edizioni 2001
Traduzione: Sinan Gudžević e Raffaella Marzano



Posljednji tango u Sarajevu

Devedeset cetrvta, 8. mart.
Ljubavno Sarajevo se ne predaje.
Na stolu pozivnica za plesno matine u “Slozi“
Naravno, idemo!
Pantalone su mi prilicno ofucane,
A ni tvoja suknja nije za Via Veneto.
Ali mi nismo u Rimu,
Mi smo u ratu
Evo i Jovana Divjaka. Po cizmama mu se vidi
Da je dosao pravo s prve linije.
Dok te moli za ples, ti si malcice zbunjena.
Prvi put plesaces s jednim generalom.
General i ne zna kakvu ti je cast ucinio,
A, bogami, i ti generalu.
Plesao je s najopjevanijom damom Sarajeva.
Ali ovaj tango – on je samo nas!
Od iscrpljenosti malo nam se vrti u glavama.
Mila, prode i nas zivot velicanstveni.
Placi, samo placi, nismo na Via Veneto
a ovo je mozda i nas posljednji ples.
(1994)



A circa trent’anni dallo scoppio del devastante conflitto balcanico la voce poetica di Izmet Sarajlic risuona con accenti leggermente venati d’ironia e grande emotività tra amore e guerra. Poeta testimone nella Sarajevo degli anni novanta durante un assedio interminabile e sanguinoso vi rimase e cantò con altri poeti nell’oscurità della città in guerra.
‘Chi ha fatto il turno di notte per impedire l’arresto del cuore del mondo? Noi, i poeti’
(Erri De Luca e I. Sarajlic, ‘Lettere fraterne’, Dante e Descartes, Napoli 2007)

I poeti leggevano o dicevano a memoria il loro canto alle serate di poesia nel buio di Sarajevo senza corrente e Sarajlic ‘scriveva con tutta la sua volontà di contraddizione della distruzione.’ Questo grazie a un intenso calore umano che si avverte nella sua voce poetica anaforica e immediata, mai banale.
Nel bel mezzo di quell’ odioso conflitto il poeta scrive: ‘In una notte come questa, malgrado tutto, pensi a quante notti d’amore ti sono rimaste.’
Nella prefazione alla raccolta ‘Chi ha fatto il turno di notte’ (a cura di Silvio Ferrari, Prefazione di Erri De Luca, Einaudi 2012)
Erri De Luca annota: ‘(Sarajlic) non ha saputo odiare [...] ha voluto ribadire il verbo amare, che i suoi contemporanei, poeti e non, avevano pudore di battere a macchina. Gli piaceva la parola ammore che in napoletano si raddoppia al centro.’

30 FEBBRAIO

Nonostante le periodiche misteriose scomparse del 29 febbraio
ogni anno in amore
veniamo derubati di un giorno.
Da giovane non ne tenevo conto,
anche senza quel giorno
c’erano abbastanza sabati e mercoledì.
Oggi però per me è importante ogni giorno
in cui ti posso guardare.
Il nostro feudo
che si stendeva su cinquant’anni di futuro
si è ridotto a un misero podere contadino.


'Qualcuno ha suonato' Multimedia Edizioni 2001
Traduzione di Sinan Gudžević e Raffaella Marzano

30. FEBRUAR

Ne računajući povremena misteriozna iščeznuća 29. februara
svake godine nas u ljubavi
potkradaju za jedan dan.
Kad sam bio mlad o tome nisam vodio računa,
bilo je i bez te jedne
dovoljno subota i sreda.
Danas mi je važan svaki dan
u kome te mogu gledati.
Naš feud
koji se protezao na pedeset godina budućnosti
sveo se na najobičnije seosko imanje.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marisa Madonini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Il ’meraviglioso’ mondo nuovo - omaggio a Huxley (Pubblicato il 22/11/2015 22:31:36 - visite: 1764) »

:: [ Esperienze di vita ] Giardino dei Giusti (Pubblicato il 27/06/2015 14:59:25 - visite: 884) »

:: [ Letteratura ] La générosité du génie (Pubblicato il 03/02/2014 12:57:10 - visite: 994) »