Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2424 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 21 09:51:41 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La vie antérieure


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/01/2014 12:00:00

 

J’ai longtemps habité sous de vastes portiques
Que les soleils marins teignaient de mille feux,
Et que leurs grands piliers, droits et majestueux,
Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques.

 

Les houles, en roulant les images des cieux,
Mêlaient d’une façon solennelle et mystique
Les tout-puissants accords de leur riche musique
Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux.

 

C’est là que j’ai vécu dans les voluptés calmes,
Au milieu de l’azur, des vagues, des splendeurs
Et des esclaves nus, tout imprégnés d’odeurs,

 

Qui me rafraîchissaient le front avec des palmes,
Et dont l’unique soin était d’approfondir
Le secret douloureux qui me faisait languir.

 

 

LA VITA ANTERIORE

 

Lungo tempo abitai sotto arcate maestose

Che il sole sopra il mare ogni giorno infocava

E cui un lungo corteo di colonne donava

Ogni notte l’aspetto di grotte misteriose.

 

L’onda eterna del cielo l’azzurro rispecchiava

E insieme le sue voci cangianti e fragorose

Fondeva con gli accordi delle luci armoniose

Che l’ora del tramonto ai miei occhi recava.

 

Là vissi tra emozioni voluttuose e calme

Cullato dal fluire di suoni e di parvenze

E dagli schiavi nudi, profumati di essenze

 

Che il viso mi sfioravan con ventagli di palme

Ogni istante protesi a inasprire i tormenti

Del crudele segreto dei miei giorni languenti.

 

 

[ Traduzione di Giorgio Gramolini ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 98) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 121) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 93) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 196) »

:: In che luce cadranno (Pubblicato il 07/09/2020 12:00:00 - visite: 237) »

:: La vita della parola (Pubblicato il 24/08/2020 12:00:00 - visite: 195) »

:: Linea di galleggiamento (Pubblicato il 03/08/2020 12:00:00 - visite: 410) »

:: Con fare menestrello - inediti (Pubblicato il 27/07/2020 12:00:00 - visite: 404) »

:: All’altro capo - anticipazione (Pubblicato il 20/07/2020 12:00:00 - visite: 247) »

:: Piccolo canzoniere più bugiardo che vero (Pubblicato il 12/07/2020 23:57:00 - visite: 423) »