Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 4342 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 12 09:31:36 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I piaceri e i giorni

Narrativa

Marcel Proust (Biografia)
Bollati Boringhieri

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/01/2008

Quando, nel 1896, venne pubblicata questa raccolta Proust aveva 25 anni, era un giovanotto elegante e alla moda, noto per la sua camelia all'occhiello e per la sua conversazione arguta. Questa sua mondanità fu però la zavorra che impedì al libro di avere il successo che si meritava, venne quasi immediatamente bollato come un capriccio di un giovane viziato ed annoiato. La prima edizione, data alle stampe per i tipi di Calmann-Levy, oltre per il suo contenuto, si faceva notare anche per le prestigiose "collaborazioni": Anatole France si occupò della prefazione, Madeleine Lemairie, allora pittrice in voga - oggi dimenticata -, disegnò belle illustrazioni e Daudet scrisse un articolo molto lusinghiero arrivando a definire il libro "un bel cesto fiorito". Ma tutte queste attenzioni non fecero che confermare agli occhi dei detrattori, che probabilmente non lessero neanche per intero il libro, il fatto che non si trattava di un libro "vero", ma quasi un libro-strenna, come si direbbe oggi, destinato a divertire e compiacere i frequentatori dei salotti. In effetti i racconti, brevi, e meno brevi, sono spesso ambientati nei salotti e hanno come protagonisti membri dell'aristocrazia, ma è chiaro, che essendo quello il mondo frequentato dall'autore, in quel mondo aveva dato forma alle situazioni dei suoi scritti, con un meccanismo analogo a quello poi usato per la Recherche, sebbene leggendo fra le righe si nota che il "bel mondo" viene spesso impietosamente messo alla berlina: <<La mediocrità è tale (del mondo aristocratico), che bastò che Violante si degnasse di mescolarsi a loro per eclissarli quasi tutti.>> Si può dire che in questo libro già ci sono le tracce della Recherche, alcuni temi poi sviluppati, qua si intravvedono, fra le righe, quasi dei germogli, ma già molto ben delineati; nei racconti infatti incontriamo alcuni temi tipicamente proustiani, quali la gelosia - quasi - folle; l'amare chi non si ha accanto per smettere di amarlo quando ci è vicino; il forte senso di colpa nei confronti della madre per la propria omosessualità e in due sfuggenti righe fa capolino la memoria involontaria, in un episodio che ricorda molto il celeberrimo passo della "petit madeleine".
Nella stesura del testo Proust ricorre volentieri all'uso del Pastiche, ovvero scrive dei brani usando lo stile di un altro scrittore, un po' per burla e un po' per rendergli omaggio. Lo stile comunque è molto bello ed elegante, si nota la maestria della mano che scriverà la Recherche, ma in quest'opera, ancora un po' "acerbo": le frasi non sono ancora sontuose come negli scritti che seguiranno. Ne "I piaceri e i giorni", ci sono tutti gli elementi di contenuto e stile che Proust svilupperà e renderà inarrivabili nel corso degli anni e con il susseguirsi delle sue esperienze personali, ma appare qui evidente che già a 25 anni Proust aveva in mente quello che sarebbe diventato il suo capolavoro.
La semplicità di scrittura e di contenuti, rispetto ad altri scritti - e forse anche la brevità - rendono adatto questo libro a chi, per timore, non si è ancora avvicinato a Proust ma se ne sente attratto; e naturalmente è consigliato a chi ha già letto la Recherche, oltre per la piacevolezza, anche per una sorta di "archeologia" proustiana.
Inoltre in questo volume l'editore ha aggiunto alcuni scritti giovanili, quali Il romanzo epistolare e altri frammenti inediti che rendono la panoramica sugli scritti del giovane Proust abbastanza esauriente.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Marcel Proust:

:: Lettere alla vicina - Archinto
(Pubblicata il 10/07/2020 12:00:00 - visite: 88) »


:: Gelosia - Editori Riuniti
(Pubblicata il 13/07/2018 12:00:00 - visite: 1004) »


:: Du côté de chez Swann - LaRecherche.it
(Pubblicata il 14/11/2013 12:00:00 - visite: 1399) »


:: Paesaggi - Tranchida Editori Inchiostro
(Pubblicata il 26/07/2013 12:00:00 - visite: 2417) »


:: Balzac, naturalmente - Robin BdV – Bibliofollia
(Pubblicata il 19/07/2013 12:00:00 - visite: 2061) »


:: La cameriera della baronessa Putbus - Via del vento Edizioni
(Pubblicata il 12/07/2011 12:00:00 - visite: 2245) »


:: I sonni notturni d’un tempo - Via del Vento Edizioni
(Pubblicata il 08/07/2011 12:00:00 - visite: 2942) »


:: Poesie - Giangiacomo Feltrinelli Editore
(Pubblicata il 09/07/2010 22:29:43 - visite: 2295) »


:: Precauzione inutile - Passigli Editori
(Pubblicata il 10/07/2009 00:02:36 - visite: 4441) »


:: Alla ricerca del tempo perduto - NRF
(Pubblicata il 10/07/2008 00:55:58 - visite: 4699) »