:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1318 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 8 21:23:19 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tutti i ragazzi del professore

Argomento: Letteratura

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/11/2010 23:10:17

Genova, 1° novembre 2010. Da qualche parte uno nasce e, che ci resti a vivere o che parta, quella parte è sua. Odisseo vive un’esperienza epica perché è un eroe. Quello che è, lo deve agli dei. Lui non se lo dimentica, anche quando indulge a qualche intemperanza. Ha appena accecato uno dei figli di Poseidone e, quando Eolo gli chiede se ha qualche contenzioso divino in corso, beatamente nega. E’ sempre sospeso tra sé e un mondo esterno prodigioso, avvincente e immenso. E’ un mondo che gli dei, benevolmente diremmo, condividono con lui. E’ paradossale che, anche attraverso la menzogna, esprima con sincerità la sua natura. Operosamente assorta nel suo negozio di abbigliamento, Rita Paglia sogna l’Egeo. Ella ci consegna il programma illustrato di una serie di Letture Sceniche della Grecia Antica. Ier sera, abbiamo partecipato alla seconda di queste, con brani di Odissea in programma. Rita era presente quasi in veste di Anfitrione, in rappresentanza di Pro Loco e a favore del luogo. Pro Loco per Odisseo: una mobilitazione che favorisce il suo ritorno e la sua stabilità. Certamente, il pubblico è stato favorito da una compagnia di attori bene intonata. Nell’atrio del Palazzo Doria Lamba in via Cairoli, ai suoi lati una duplice scala porta al piano elevato, dove trova posto il Coro. In atrio resta una, e poi a turno discendono altre due, persone con voce narrante. Quella voce femminile recita Omero; il Coro prorompe e riempie l’aere con il suo contrappunto in Greco. Altre due persone, una ancora femminile e l’altra maschile, citano Autori che, tanto tempo dopo, dimostrano come l’originario tema Omerico sia vivo. Alla fine della felice rappresentazione, applausi per tutti e una sorpresa. La compagnia è formata quasi per intero da studenti, o che sono stati tali, del Liceo Classico Andrea Doria. Una persona era avvolta in una purpurea tunica, ma tutti erano molto eleganti in scuro. Sono guidati dal Professore Andrea Del Ponte, col quale ci complimentiamo moltissimo. A portare l’abito da Antica Grecia è Chiara Daino. Tutti sono portatori di forza espressiva. Discesi nuovamente fra il pubblico, che era rimasto nell’atrio, essi riassunsero il composto ruolo della vita. Tuttavia, leggendo i versi di Sylvia Plath, una voce capelli d’oro ha parlato dell’animo femminile inesplorato. Una corista gentile, quasi spiaciuta di non continuare la recita, ha declamato le meravigliose parole Μοῦσα e Θάλασσα. Un giovane ha assunto fiero piglio quando ha recitato passi dove l’uomo lotta. Le Odissee non finiscono mai. Oggi, alla televisione dei giovani, abbiamo ascoltato la cantante Katy Perry che insieme con le altre rappresenta le ‘Californian Gurls’, le scatenate della spiaggia. Sono carine e, se sono le Sirene, non fanno paura a nessuno.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Medicina ] La Grande Vaccinazione (Pubblicato il 09/04/2021 20:32:11 - visite: 56) »

:: [ Scuola ] Futebol no Instituto Arecco (Pubblicato il 12/01/2021 14:03:32 - visite: 120) »

:: [ Cinema ] Natale sotto le stelle (Pubblicato il 24/12/2020 18:02:39 - visite: 92) »

:: [ Psicologia ] La terza donna (Pubblicato il 19/05/2020 23:32:33 - visite: 196) »

:: [ Politici ] Breve notizia su Boris Johnson (Pubblicato il 12/11/2019 20:24:02 - visite: 258) »

:: [ Cinema ] Quel treno di ’Mezzogiorno di fuoco’ (Pubblicato il 29/04/2019 20:23:05 - visite: 254) »

:: [ Musica ] Viva il treno per Yuma! (Pubblicato il 19/03/2019 21:13:48 - visite: 401) »

:: [ Scuola ] E-mail alla Terza D (Pubblicato il 18/03/2014 18:45:23 - visite: 1228) »

:: [ Società ] Uma Igreja Argentina - It. (Pubblicato il 24/03/2013 20:09:39 - visite: 997) »

:: [ Storia ] Confederate Soldiers (Pubblicato il 09/06/2011 01:39:23 - visite: 1333) »