Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1362 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 26 20:22:16 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La notte dei Classici Cantores

Argomento: Letteratura

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/11/2010 01:57:28

Addì sette di Novembre dell’Annus Domini duemiladieci si compì l’ultimo atto dei Classici Cantores in quel di Genua. Teatro dell’evento fu palazzo Salvago in piazza di San Bernardo. Ancora un atrio per il pubblico, una scala per il coro e un parapetto per l’attrice. Il bouzouki (chitarra Greca) fu suonato da Facco. Il tema della serata furono giuramento e alcuni aforismi del Dottore Ippocrate, la seconda gloria nazionale di Chios. Dei palazzi Genovesi abbiamo veduto gli androni, chissà com’è il resto. Era la sera del lascito che, per molti Cantores, consiste nel prossimo esame di maturità. Siamo consapevoli della loro bravura, anche come studenti. Sulle note del famoso sirtaki danzato da Zorba, che era un pessimo imprenditore ma ci sapeva fare con le donne, si concluse il programma ufficiale. L’attrice sollecitò un fuori programma ai Cantores che, dapprima, con impronta locale eseguirono De Andrè di Crêuza de mä, stradina di mare. Essa fu seguita da ‘The Lion Sleeps Tonight’ dei più internazionali Tokens, che ratificano lo stato del re forestale: sua maestà è in braccio a Morfeo. Raccolte alcune notizie all’uscita, si apprese che non sono previste altre uscite per i Cantores impegnati con gli studi. Il vostro cronista registra con piacere che gli studenti sono stati insegnanti. Una giovane, che si avvierà al Diritto, ci ha avviato ala corretta pronunzia della parola ‘coriféa’. Solo che la corifea, appunto, della quale si chiedevano notizie non si rinveniva più nel dopo teatro. I genitori presenti osservavano con giustificato orgoglio i loro provetti figliuoli. Rita Paglia studiava nuove iniziative per aprire o salvare il Centro Storico. Resti di Cantores erano invitati da teatranti di professione per una libagione. I Cantores conoscono bene le materie e lasciano bene sperare di ulteriormente migliorare. Hanno supplito, per noi, alla razione di arte che ci toccherebbe dagli adulti. Tuttavia, dopo averli ringraziati, non possiamo lasciarli senza un arrivederci. Li incontreremo ancora su strade che dovremmo rendere meno intricate e oscure di quelle cantate da De Andrè. Se il leone dorme, essi stessi dovranno fare i leoni. Se ascoltiamo una canzone di Gaber, apprendiamo che la sua generazione ha perso. E’ ora di riunire tutte le generazioni, vittoriose o sconfitte, e ritrovare la corifea. Ella indica la successione metrica nella lingua antica e, i Cantores, non hanno perso una battuta. Oramai siamo nel dopo teatro e, a sentire Shakespeare, non c’è molta differenza col prima. Così, dopo quella temporale, abbattiamo la barriera spaziale e ritroviamoci per l’agape. Di questa parola, per grazia di Zeus, ci ricordiamo la pronuncia.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Scuola ] Futebol no Instituto Arecco (Pubblicato il 12/01/2021 14:03:32 - visite: 95) »

:: [ Cinema ] Natale sotto le stelle (Pubblicato il 24/12/2020 18:02:39 - visite: 64) »

:: [ Psicologia ] La terza donna (Pubblicato il 19/05/2020 23:32:33 - visite: 173) »

:: [ Politici ] Breve notizia su Boris Johnson (Pubblicato il 12/11/2019 20:24:02 - visite: 241) »

:: [ Cinema ] Quel treno di ’Mezzogiorno di fuoco’ (Pubblicato il 29/04/2019 20:23:05 - visite: 233) »

:: [ Musica ] Viva il treno per Yuma! (Pubblicato il 19/03/2019 21:13:48 - visite: 382) »

:: [ Scuola ] E-mail alla Terza D (Pubblicato il 18/03/2014 18:45:23 - visite: 1202) »

:: [ Società ] Uma Igreja Argentina - It. (Pubblicato il 24/03/2013 20:09:39 - visite: 980) »

:: [ Storia ] Confederate Soldiers (Pubblicato il 09/06/2011 01:39:23 - visite: 1313) »

:: [ Avventura ] Bosio e l’impero della filibusta (Pubblicato il 19/04/2011 23:49:19 - visite: 1136) »