:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 114 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 23 01:39:14 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Futebol no Instituto Arecco

Argomento: Scuola

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2021 14:03:32

'Noi non decidiamo nel nostro Paese, non decidiamo nel nostro lavoro, e a voi sta bene?' chiede il calciatore brasiliano Socrates ai suoi compagni di squadra riuniti nello spogliatoio. Ora sto leggendo la biografia del collega medico calciatore scritta da Iervolino e intitolata 'Un giorno triste così felice'. Però vorrei leggerne un'altra, scritta da un americano, con prefazione del calciatore olandese Cruijff. L'olandese aveva piglio manageriale e vorrei sapere qualcosa da lui più che da altri sul gioco del calcio. Il nostro gioco del calcio comprende il periodo degli studi liceali 'Classici' a Genova, all'Istituto Arecco, negli anni '70. Il I ottobre 1973 sono a casa, di pomeriggio, e mi telefona Gianni B., un compagno di classe calciatore. Mi chiede di raggiungerlo con gli altri, per un allenamento: stiamo allestendo una squadra per il campionato interno di calcio. La squadra era equilibrata: Gianpaolo era portiere versatile ma voleva giocare all'ala destra, così fu poi sostituito in porta da Giorgio. Giusy difendeva con grinta, Franco era un fantasista al quale ne fu aggiunto un altro: Elio, un esterno che poi diventerà medico anche lui. Bruno dirigeva l'attacco, anch'io giocavo in avanti cercando di segnare con i colpi di testa. Filippo giostrava a centrocampo, con grande movimento. Il costante Sebastiano arriverà qualche anno dopo, in difesa. Gianfranco subentrava quando serviva, combattivo indietro. Vincemmo due volte il campionato, quando riuscimmo a fare gioco di squadra. In attacco m'intendevo bene con Bruno e segnavamo abbastanza. Giovanna faceva il tifo per noi alle partite ed era tanto bella che si è vinto anche per lei. Anche Gianni A. e Pierfrancesco assistevano agli incontri, partecipavano con amicizia e si è vinto anche per loro. Perdemmo l'ultima partita, quella con i maturandi dello 'Scientifico' perché ci eravamo disuniti: io quasi non toccai palla. Poi sarei capitato in un'altra squadra ma, anche quella, finché era durata non era stata male. Con il tempo arretrai un po' lo spazio d'azione: Bruno diceva che lo avevo ristretto sin troppo, verso il centrocampo. Segnai meno reti ma dovevo organizzarmi un po'. Anche in questo breve scritto ho cercato di organizzare i tempi verbali: ho iniziato con il presente e ho continuato con quelli passati. Ora voglio ritornare al presente: se un giovane legge qualcosa sul gioco del calcio, vuole giustamente identificarsi nel giocatore. Deve sentire sé stesso correre e saltare, anche se il racconto riguarda fatti successi molto tempo fa: 'voce del verbo passare', come scrive Giovanna.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Medicina ] La Grande Vaccinazione (Pubblicato il 09/04/2021 20:32:11 - visite: 43) »

:: [ Cinema ] Natale sotto le stelle (Pubblicato il 24/12/2020 18:02:39 - visite: 83) »

:: [ Psicologia ] La terza donna (Pubblicato il 19/05/2020 23:32:33 - visite: 190) »

:: [ Politici ] Breve notizia su Boris Johnson (Pubblicato il 12/11/2019 20:24:02 - visite: 254) »

:: [ Cinema ] Quel treno di ’Mezzogiorno di fuoco’ (Pubblicato il 29/04/2019 20:23:05 - visite: 250) »

:: [ Musica ] Viva il treno per Yuma! (Pubblicato il 19/03/2019 21:13:48 - visite: 396) »

:: [ Scuola ] E-mail alla Terza D (Pubblicato il 18/03/2014 18:45:23 - visite: 1225) »

:: [ Società ] Uma Igreja Argentina - It. (Pubblicato il 24/03/2013 20:09:39 - visite: 993) »

:: [ Storia ] Confederate Soldiers (Pubblicato il 09/06/2011 01:39:23 - visite: 1329) »

:: [ Avventura ] Bosio e l’impero della filibusta (Pubblicato il 19/04/2011 23:49:19 - visite: 1146) »