:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 532 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jun 16 17:31:07 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Della Bellezza #SaveAshrafFayadh

di Patrizia Stefanelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/01/2016 22:24:09

 

DELLA BELLEZZA
…ho conosciuto per le vie di Damasco uomini puri che
di Dio hanno fatto una bandiera che sventola il vento.


Ho conosciuto donne come maddalene
adornare il capo del loro Signore.
Ipocriti senza fede in grado di spargere vigliaccheria
su un NOME, fino a consumarlo nella stoltezza.


La gente di Dio ha la bocca rossa
gli occhi spalancati
le mani a pugno
e la voce che non dice.


Ho visto uomini prostituirsi per un pugno di gloria
e segnarsi la fronte quando passa una puttana.


Ho visto uomini rubare il pane ai propri figli
per sputarlo in un bicchiere
e donne, piegate sulla vita ad imbastire giornate di
niente.


Ho visto uomini aizzare le folle
e la follia dilagare in fumo acre.


Ho visto capi di stato sul liminare del mondo
e sangue sparso sulla gente povera.


Fuori dal cerchio non c’è pietà
la casa di Dio è vuota
l’eco risuona i passi del tempo del nulla
e la voce di un uomo che piange.


Soltanto negli occhi dolorosi di un bambino
ho potuto vedere la Bellezza
dove per un attimo la mia si è specchiata.
La sua vita nelle mie mani disposte a croce


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Patrizia Stefanelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Patrizia Stefanelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Dall’angolo della follia (Pubblicato il 09/03/2015 17:33:33 - visite: 435) »

:: Preludio (Pubblicato il 06/03/2015 18:29:13 - visite: 500) »

:: Sui cigli delle viole (Pubblicato il 16/02/2015 12:09:22 - visite: 481) »