:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 484 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 5 23:46:39 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non t’agitare, qui possiamo solo sospirare

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/05/2017 10:38:56

Non t’agitare, tanto qui possiamo solo sospirare.

Qua non c’hai niente a che fare cu picciuli e avvocati.

Nudo tu e nuda io, nudi di fronte a Dio.

Quello che non t’ho potuto dire tra i vivi, te lo dico qui,

davanti ai lumini dei morti.

Te ne sei andato dalle magàre, con tutto ch’ero ormai per conto mio, pagasti a “Chicchina a strolaga” p’ affatturari a mia.

Bella figura, tu, che ti sentivi un “uomo d’onore”!

Volevi fare morire tua moglie con le magàrie!La madre dei tuoi figli.

Nove figli, nove peccati capitali, uno all’anno quasi, e quattro aborti,

mi mettevi incinta per forza e senz’amuri: chi lo sa, mischina!, tra parti e aborti, poteva capitare la disgrazia: -Marò! Marò!, quattro lacrime per faccia di mondo, tre mesi di lutto, e il vedovo si nni priò.

Mi dispiace, non t’ho potuto accontentare, ero ancora troppo giovane e forte.

 

 

 

 

 da, In città al tramonto, Come finì la guerra tra Marò e Fifì 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Nicola Lo Bianco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: il pane di agostino (Pubblicato il 27/02/2020 13:02:43 - visite: 709) »

:: le cose da fare di Isidoro (Pubblicato il 22/10/2019 09:09:18 - visite: 411) »

:: le cose da fare di agostino (Pubblicato il 16/06/2016 18:59:07 - visite: 846) »

:: Sorreggersi agli appositi sostegni (Pubblicato il 26/01/2016 18:31:39 - visite: 688) »

:: Elogio del silenzio (Pubblicato il 03/10/2014 19:04:48 - visite: 1017) »