Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Al mercato della frutta

di Lorena Turri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/10/2009 10:34:36

Quando si prende una decisione si prova un gran senso di soddisfazione verso noi stessi tradotto in un compiaciuto sorriso che si congela sulle labbra.

Oggi ho deciso di andare al mercato della frutta con il mio congelato sorriso e, durante il tragitto, ho accarezzato un cane, ho fatto i complimenti a un bambino, ho salutato, agitando la mano, un automobilista, ho distribuito “buongiorno” ai passanti e… finalmente eccomi arrivata!
Quanta frutta! Ce n’è per tutti i gusti, compreso l’imbarazzo della scelta!
L’imbarazzo della scelta!
Quell’imbarazzo, proprio quello che, all’improvviso, ha sciolto il mio sorriso vestendo di delusione la mia precedente soddisfazione poiché, quando si decide di andare al mercato della frutta, bisogna anche aver deciso, prima, quale frutta si vuole comprare e perché.
Come intontita tra le cassette di frutta, mi son detta:

“Compro le mele! Sì, le mele. Una mela al giorno toglie il medico di torno… Mah, sarà poi vero? Ho visto tanta gente ingozzarsi di mele in sala di attesa.
Compro le pere.
Certo che troppe pere, almeno su di me, producono uno strano effetto collaterale tale da farmi perdere un sacco di tempo al bagno. Allora compro le banane, che fanno l’effetto contrario!
No, troppo contrario, meglio le arance!
Sì, le arance, ricche di vitamina C, ottime per le spremute che al mattino ti danno la carica come quella delle automobiline che si trovano negli ovini di cioccolato che, percorso un metro, si fermano. Non posso mica farmi una spremuta ogni metro della mia giornata, arrivata a sera travaglierei di arance!
Compro le fragole, ma soltanto una vaschetta che troppe fragole mi fanno venire l’orticaria.
Uhm, meglio non rischiare e buttarmi sul kiwi, anche se non mi piace.
Non capisco perché dovrei comprare un frutto che non mi piace… sai cosa faccio? Non compro niente e torno a casa!
In fondo anche questa è una decisione seppure annulla la precedente, ma il tempo che è intercorso tra la prima e quest’ultima non è stato tempo sprecato bensì un’utile, benché esasperante, riflessione per capire che una decisione a metà ti lascia col carrello vuoto che è come un carrello troppo pieno, qualora avessi deciso di comprare tutta la frutta del mercato per non farmi mancare niente… e sul “niente” non sto qui a ragionare!”

Ora, con il mio carrello vuoto, procedo a ritroso e, durante il tragitto, accarezzo un cane, faccio i complimenti a un bambino, saluto con la mano un automobilista, distribuisco “buongiorno”.
Mi volto per un attimo e, con stupore, vedo dietro di me una lunga fila di gente con i carrelli vuoti, con i sorrisi scongelati e la testa china. Mi viene da dir loro:
“Ehi!, non rabbuiatevi, ci riproveremo domani! Può essere che domani troveremo un frutto nuovo, che ci invoglierà e che determinerà la nostra decisione.
Quel frutto che non abbiamo ancora assaggiato perché cresce sull’albero della semplicità!”

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lorena Turri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorena Turri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Autobiografico stomp (Pubblicato il 14/08/2015 16:49:19 - visite: 931) »

:: Paperino (Pubblicato il 10/09/2014 17:00:58 - visite: 940) »

:: I tre porcellini - Tautogramma (Pubblicato il 09/09/2014 10:32:48 - visite: 1162) »

:: Storia fantagromedica - nonsense - (Pubblicato il 28/09/2012 21:28:01 - visite: 1594) »

:: Quella volta che... per disperazione (Pubblicato il 08/07/2012 12:39:39 - visite: 1203) »

:: Messaggiando sulla felicità (Pubblicato il 14/06/2012 01:00:39 - visite: 1437) »

:: Dove vanno a finire i pensieri (Pubblicato il 09/01/2012 13:08:41 - visite: 2196) »

:: Se non fosse stato per il mio cane... (Pubblicato il 03/01/2012 18:03:42 - visite: 1350) »

:: Da: Cronache fantastiche - Scienza e salute (Pubblicato il 24/09/2011 23:34:41 - visite: 1288) »

:: Quella volta che…(l’attesa) (Pubblicato il 09/03/2011 14:46:01 - visite: 1236) »