Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2256 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 2 06:54:12 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Er sor Quadraro (inedito)


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/10/2010 12:00:00

“Ce sei ‘rivato alla Croce?”-
“Ce so ‘rivato sì…anzenti qui che pace!”-
E questo è ‘r sor Quadraro, de secolare storia,
qui puro Coriolano ci aritrovò momoria…
che dedalo de vie, de ‘ncroci tutti uguali.
Te penzi de stà alli Ciceri, invece stai all’Arvali!
È come n’arveare, oppuro n’ber quadretto…
Qui tutto cambia intorno, ma qua nun muta aspetto!

Defatti, puro li tedeschi se lo so aricordato…
Che pe raccapezzasse…qua è tutto nciafrujato!
Così pensorno bene…na matina presto presto:
«Un partigiano è uno…pijamo puro e resto»

“È questo er sor Quadraro, de gente pora e zozza…
È questo er sor Quadraro…se more ma nun s’abbozza!”



[ Il sonetto Er sor quadraro è dedicato al quartiere in cui ho vissuto in parte la mia adolescenza e dove tuttora vivo. Un quartiere che si è sempre dovuto conquistare con il sudore il diritto di essere considerato parte della “città storica” e che è stato insignito della medaglia al valor civile per il rastrellamento perpetrato dai tedeschi il 17 aprile del 1944. La croce posta nel lato sinistro di via Tuscolana testimonia il tributo di dolore pagato da questa coraggiosa gente. A loro vanno i miei pensieri. ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Come d’uno che salga le scale (Pubblicato il 01/03/2021 12:00:00 - visite: 64) »

:: Mätarlarven (Pubblicato il 22/02/2021 12:00:00 - visite: 91) »

:: Coro (Pubblicato il 15/02/2021 12:00:00 - visite: 45) »

:: Trilogia d’un tormento (Pubblicato il 25/01/2021 12:00:00 - visite: 170) »

:: È tempo per la distruzione (Pubblicato il 18/01/2021 12:00:00 - visite: 205) »

:: L’inganno della superficie (Pubblicato il 11/01/2021 12:00:00 - visite: 227) »

:: Grade românica (Século XIII) (Pubblicato il 31/12/2020 12:00:00 - visite: 211) »

:: Oggi ti sono passato vicino (Pubblicato il 21/12/2020 12:00:00 - visite: 246) »

:: Radici (Pubblicato il 14/12/2020 12:00:00 - visite: 197) »

:: Poesie scritte camminando (Pubblicato il 07/12/2020 12:00:00 - visite: 738) »