:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Il giardino di Sophia (Roma, 05/12/2022)
🖋 Benedetta Berio intervista a Il ramo e la foglia edizioni
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 224 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 9 10:06:04 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Duomo di Milano

di alessandro venuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/02/2020 14:46:50

 
 
Tacciano i poeti
Le lire strofe
Le algide rime 
Le silvane atmosfere da boschi fasulli
E i priapici versi per imenee muse di carta. 
Tacciano i poeti. 
Depongano carte e penna 
E tocchino con mano la pietra fredda
Del Duomo, si spauriscano i pensieri 
Tra le guglie che acchiappano nuvole, 
Vaghi la fantasia tra le mille e una statua. 
Guarda, vittoriosa c’è una Nike su tutte dorata. 
Prendimi la mano, 
intreccia le tue dita alle mie.
Carne calda, sottile l’osso, 
Felice ossessione di occhi a mandorla
E capelli di corvo. 
Di te scriverò ancora, non mai. 
Schiocca nell’aria una lattina di Monster,
Gratta la gola,
Accende la mente. 
Dalle ragazze di strada
Arriverà il Canto Novo, 
Dai vagabondi di stelle 
Nativi digitali di indiane riserve. 
Prendo nota e compongo. 
Un po’ di caffeina, una penna 
E vi riscrivo il mondo. 
Tacciono i poeti. Ascoltano e già 
Tra loro ridono. Ma non sanno: 
Loro sono morti. Io sono vivo. 
 


Inviato da Libero Mail per iOS


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore alessandro venuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

alessandro venuto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il battito (Pubblicato il 03/12/2022 13:43:54 - visite: 22) »

:: Creature incompiute (Pubblicato il 30/11/2022 12:45:37 - visite: 46) »

:: Raven (Pubblicato il 27/11/2022 15:03:16 - visite: 193) »

:: Vajra (Pubblicato il 27/11/2022 12:03:52 - visite: 23) »

:: Valkyrie (Pubblicato il 26/11/2022 14:16:47 - visite: 27) »

:: Mondi lontani (Pubblicato il 07/10/2022 22:20:02 - visite: 73) »

:: Senza parole (Pubblicato il 14/05/2022 18:31:28 - visite: 232) »

:: Solitudo (Pubblicato il 07/05/2022 16:03:58 - visite: 91) »

:: Adige (Pubblicato il 06/05/2022 16:46:50 - visite: 242) »

:: Pan (Pubblicato il 16/04/2022 13:18:18 - visite: 105) »