Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 103 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 22 11:25:07 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Le Odi di Guido Brunetti

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/11/2020 10:41:56

 

Le Odi di Guido Brunetti

 

Ode a Nemi

Magica dimensione

che d'infinito m'illumini

e d'incanto s'acqueta lo spirito

e lieve l'anima si distende.

Una targa marmorea è stata posta dal Comune nei giardini pubblici il 21.10.2010.

 

 

Ode a Viareggio

Apri le finestre della tua anima

Ascolta il silenzio dei monti

il canto delle foglie

il mormorio del ruscello

l'ondare del mare.

Accendi la scintilla del tuo spirito

Godi l'incanto del momento.

Targa marmorea posta dal Comune sulla parete della scuola dell'infanzia, via Virgilio, 29 il 21.12.2011

 

 

Ode a Fraine

In grembo ai monti che salgono in cielo

Il tenero guardo sulle colline che declinano

verso il mare.

I rintocchi dell'Ave Maria.

 La quiete, un senso di armonia.

Targa marmorea posta dal Comune sulla parete dell'edificio comunale il 9.6.2012

 

I versi di questa trilogia poetica presentano un affresco animato da una forte istanza spirituale. Mare, monti, cielo, terra: è la lode al cosmo con l'aspirazione dell'animo a contemplare l'infinito. Su tutto aleggia la dimensione del trascendente e del sacro, un aldilà metafisico.

Analizzando queste Odi, il poeta Menditto ha scritto: "Bellissimi versi che rilasciano veramente sensazioni di una tranquillità straordinaria". Si tratta di "un raggruppamento di poesia territoriale dove le immagini espresse nei diversi lessici molto moderati non fanno altro che far gustare la piacevole armonia di ogni testo". Tale poetica appartiene- aggiunge- alla poesia da "giudicare tra le grandi opere". I versi suscitano "meraviglia per la forma di struttura impressa e per la tecnica adottata. Non è facile tradurre in versi così armoniosi l'atmosfera di paesaggi. Ma quando il paesaggio è scolpito nei versi in tal modo, non può che trattarsi di vera poesia".

E' uno sbocco poetico che "fa onore a uno scienziato-umanista qual è Brunetti, che apprezzo e stimo sommamente". "Egli nobilita la cultura- spiega Menditto- non solo per il contributo di sapere che apporta, ma anche per la profonda e classicamente signorile umanità che impronta il suo stile di autore, permeato da un' etica intensa di cui si avverte la mancanza".

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.