Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2808 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 27 07:58:21 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ali nere (inedito)


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 31 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/01/2011 12:00:00

a mia figlia Beatrice

Non ho mai smesso di ostinarmi a credere
che un giorno il rombo nero dei mortai
sarebbe diventato un suono sordo
da ascoltare in Musei, dove la Storia
si potesse osservare con la lucida
legge del tempo, e non con quella antica,
prigioniera dei sogni del potere
che inabissa le chiavi di ogni tempio
come àncore rose dalla ruggine,
riarse in cupi gorghi di salsedine.

Ma sento troppe voci rassegnate
al ritorno dei barbari, al dominio
di queste loro onnipresenti armate,
con le insegne aggiornate di quell’odio
griffate sopra fibbie ed alamari.
Vorrei poterti dire, mia favilla,
che questo nero cigno sia allo stremo,
e che per il suo manto, così osceno,
l’ultima ora del canto sia vicina,
nonostante le grida che lo acclamano.
Speriamo di svegliarci, una mattina,
in cui il cielo riappaia nudo e sgombro,
sopra l’oro degli angeli, violato
da questa sordida, infiammata pece;
e le ali nere planino nel vuoto.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 31 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: due poesie (Pubblicato il 26/10/2020 12:00:00 - visite: 103) »

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 137) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 129) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 97) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 211) »

:: In che luce cadranno (Pubblicato il 07/09/2020 12:00:00 - visite: 244) »

:: La vita della parola (Pubblicato il 24/08/2020 12:00:00 - visite: 199) »

:: Linea di galleggiamento (Pubblicato il 03/08/2020 12:00:00 - visite: 421) »

:: Con fare menestrello - inediti (Pubblicato il 27/07/2020 12:00:00 - visite: 413) »

:: All’altro capo - anticipazione (Pubblicato il 20/07/2020 12:00:00 - visite: 250) »