:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 43 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 2 10:42:00 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nella grande pianura di Umberto Bellintani

di Alberto Castrini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/11/2023 21:42:01

Questa raccolta di poesie parte col titolo inesatto, perché coglie solo un lato della poetica di Bellintani.

Infatti più che pianura si deve parlare di terra nel senso vero, delle radici ineliminabili che legarono da sempre il poeta e la sua vita al territorio.

Nella poesia “sono un topo di campagna” infatti Bellintani disegna il suo ritratto dentro la natura della bassa mantovana: con la Luna, il Paese e la Casa, (tutti in maiuscolo) dove visse la maggior parte della sua esistenza esclusa la parentesi fiorentina

Onnipresente è il fiume, nominato solo fiume che dà la vita ma che spesso ghermisce degli abbozzi di esistenze però lasciandone sempre una scia a ricordare che nulla della vita è mai completamente perduto per stare ”sempre lieti al core sulla riva” .

Così s'innesta quello che è il vero filo conduttore della poetica di Bellintani: la morte, perché questa anche se ti afferra lascia che il ricordo resti come testimonianza .

Ma non si trema mai davanti alla morte, “povera madre che soffre”, perché “in noi s'alterna timore d'essa e quieta attesa del suo riposo”.

Ed è forse nel vivere così intensamente il rapporto della vita con il fluire delle stagioni, legati indissolubilmente all'esistenza umana, che resta potente il messaggio di questo poeta che, nonostante il suo proverbiale silenzio e riservatezza, ha lasciato un monito duraturo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Castrini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Miopia di Alberto Gaetano Castrini (Pubblicato il 10/06/2021 19:16:12 - visite: 434) »

:: Robert Walser Poesie (Pubblicato il 29/10/2020 22:07:47 - visite: 325) »

:: Canto del popolo Yiddish messo a morte (Pubblicato il 10/04/2020 22:09:21 - visite: 427) »

:: Lacrime (Pubblicato il 29/07/2019 22:09:32 - visite: 338) »