Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Il dott. Beup! (per bambini)

di Lorena Turri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/09/2010 10:17:02



Il dottor Beup era un medico di famiglia. Anzi, a dire il vero, era una dottoressa che preferiva pensarsi al maschile in quanto dottore.
Dicevo, era un medico di famiglia nel vero senso della parola, poiché curava soltanto i suoi due familiari che, disgraziatamente per lui, godevano di ottima salute.
Possiamo dire che il dottor Beup era disoccupato.
Come tutti i disoccupati aveva molto tempo libero, ma così tanto che non sapeva cosa farsene.
Allora si cercò dei passatempi.
Cominciò a pensare al tempo passato, ma gli faceva venire il magone, che fino ad allora aveva creduto un grande mago ed invece capì che era come avere un macigno sullo stomaco e gli veniva da vomitare.
Quindi, decise di smettere di pensare ai tempi passati che nuoceva alla sua salute (era un dottore e queste cose le sapeva) e pensò di guardare il tempo che passa sul quadrante di un orologio. Ma che monotonia, che noia!
Gira che ti rigira le ore son sempre quelle: da 1 a 12 e poi da capo, anche se fuori un colpo c’è luce e un colpo c’è buio.
Pensò, allora, di passare il tempo come di solito passava le verdure per fare il minestrone, ma il passaverdura non macina gli orologi.
Il problema si faceva complicato. Era proprio difficile trovare un passatempo!
Un giorno ebbe un’idea!
Decise di darsi agli anagrammi.
E’ un esercizio che tiene giovane la mente, lui lo sapeva bene perché era un dottore.
Volle cominciare col suo nome, tanto per tirarsi su il morale, pensando che in inglese “be up” volesse dire “stare su”.
L’unica parola che riuscì a trovare anagrammando il suo nome fu: pube.
“Che c‘entra il pube?” pensò, guardandosi sotto la sottana. E vide che era senza mutande.
Tutti i disoccupati sono senza mutande e non sanno come tirarsi su il morale, ché, se il morale fosse un paio di mutande, tirarselo su sarebbe cosa da poco e anche veloce!
Fu in quel preciso momento che decise di cambiare passatempo.
Smise di fare gli anagrammi e andò a decorare le locomotive per rendere i treni più allegri e colorati, in modo che alle stazioni, i bambini che andavano a salutare il treno, potessero dire: “Guarda mamma, guarda papà, che bella locomotiva, tutta colorata, fate ciao anche voi con la manina!”
Da quel giorno le stazioni si riempirono di bambini allegri e di genitori costretti a salutare tutti i treni.

Ma i bambini non sanno, nella loro innocenza, che quando mamma e papà salutano tutti i treni, non c’è proprio niente da stare allegri

Punto esclamativo

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lorena Turri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorena Turri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Autobiografico stomp (Pubblicato il 14/08/2015 16:49:19 - visite: 930) »

:: Paperino (Pubblicato il 10/09/2014 17:00:58 - visite: 939) »

:: I tre porcellini - Tautogramma (Pubblicato il 09/09/2014 10:32:48 - visite: 1160) »

:: Storia fantagromedica - nonsense - (Pubblicato il 28/09/2012 21:28:01 - visite: 1590) »

:: Quella volta che... per disperazione (Pubblicato il 08/07/2012 12:39:39 - visite: 1197) »

:: Messaggiando sulla felicità (Pubblicato il 14/06/2012 01:00:39 - visite: 1435) »

:: Dove vanno a finire i pensieri (Pubblicato il 09/01/2012 13:08:41 - visite: 2193) »

:: Se non fosse stato per il mio cane... (Pubblicato il 03/01/2012 18:03:42 - visite: 1346) »

:: Da: Cronache fantastiche - Scienza e salute (Pubblicato il 24/09/2011 23:34:41 - visite: 1286) »

:: Quella volta che…(l’attesa) (Pubblicato il 09/03/2011 14:46:01 - visite: 1234) »