Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1221 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 1 18:22:37 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Santo Sepolcro, maxirisse e assolutismi religiosi

Argomento: Religione

Articolo di Michele Martelli 

Proposta di Giuliano Brenna »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/01/2009 12:00:37

Gerusalemme. Tempio del Santo Sepolcro. Come da canovaccio, maxirissa di monaci e preti, armeni e greci, tutti cristiani ortodossi. Non li ferma nemmeno il rischio della blasfemia. Si sputano, scazzottano e bastonano. Irreali, come in un fumetto. Una farsa risibile, esilarante, che ha fatto il giro del mondo. Godibile in ogni blog e tv. Ma la gustosa vicenda suggerisce due riflessioni.
A) La pluralità insuperabile dei cristianesimi. Non esiste il Cristianesimo (con la maiuscola!), ma tanti cristianesimi, diversi, divisi e, ieri come oggi, in conflitto. Solo così si spiega il paradosso di frati e preti cristiani di varia matrice che da sette secoli si azzuffano inferociti, con in mano ceri, arredi sacri e crocifissi, e ieri anche con spade e pugnali, in modo blasfemo, nel luogo sacro più simbolico della cristianità. Ognuno in nome del proprio Cristo disconosce e combatte gli altri. Come il papato romano, che promosse due secoli di Crociate per la conquista del Santo Sepolcro. La peggio l’ebbero non i turchi in armi, ma i cristiani ortodossi d’Oriente, vittime spesso indifese di violenze d’ogni genere (gli storici parlano di episodi raccapriccianti di bambini cotti vivi allo spiedo dai Crociati). Successivamente, il Tempio fu venduto dai musulmani pezzo per pezzo ai cristiani di sette eterogenee, che ancora se lo disputano. Il Cristianesimo? Mille e uno cristianesimi. Ciascuno convinto di possedere l’assoluta Verità. Come quel detersivo che fa il mio bucato più bianco del tuo. Ma se si può trovare una Verità sempre più vera dell’altra, ogni assolutismo relativizza quello altrui. In un processo all’infinito. La storia dei cristianesimi è il trionfo del relativismo. Con buona pace di Ratzinger. Il cattolicesimo? Un relativismo che si vergogna.
B) L’irrazionalità degli assolutismi religiosi. Per dirimere le discordie tra i cristiani del Tempio, da sette secoli due famiglie musulmane ne posseggono le chiavi. I musulmani più ragionevoli e laici dei cristiani? Ma quanto mai! L’islam è intoccabile, vietate critiche, opinioni e apostasie. I filosofi razionalisti, detti Mutaliziti, furono sterminati dai califfi. A proposito del Santo Sepolcro, si racconta di un musulmano, che, nel giorno del miracolo del Fuoco Sacro (a Pasqua i ceri della sacra tomba si accenderebbero per autocombustione), cadde da un pinnacolo e rimase illeso: si convertì, ma fu decapitato sul posto dalle guardie del califfo. Ciò che è “miracoloso” per una religione, per l’altra è un imbroglio. Sono noti gli scontri frequenti tra arabi ed ebrei per il controllo, a Gerusalemme, della Spianata delle Moschee (lì sorgeva anche il Tempio ebreo distrutto dai romani nel 70 d.C.). Il possesso anche simbolico di un luogo sacro è, ed è stato spesso, un inevitabile casus belli. Dalla passeggiata dell’ex primo ministro Ariel Sharon sulla Spianata partì, per reazione, la Seconda Intifada, nel 2000. Dalle maxirisse alle guerre, il passo è breve. Ogni religione difende con tutti i mezzi la propria esclusiva assolutezza. Contro i reprobi, i nemici e i fomentatori di disordini. La Chiesa romana dipinge l’arcangelo Michele nelle vesti di un guerriero che brandisce alta nella mano la sciabola vendicatrice. Ne ha fatto il simbolo dei milites Christi. Per Pio XII era anche il protettore della polizia scelbiana. Ancora ieri, in occasione di una Mostra micaelica approntata dal Dipartimento di studi cristiani dell’Università di Bari, l’“Avvenire” menzionava i luoghi garganici dove era passato S. Michele.
Sì. Un arcangelo itinerante in grotte e gallerie. Chi l’ha visto?

Di Michele Martelli
da: MicroMega - http://temi.repubblica.it/micromega-online/

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuliano Brenna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuliano Brenna, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cucina ] Il brodo secondo Escoffier , di Oretta Zanini de Vita (Pubblicato il 25/06/2015 14:32:45 - visite: 1632) »

:: [ Poesia ] Incredibile, la poesia in televisione , di Alberto Dentice (Pubblicato il 04/06/2013 11:18:11 - visite: 1349) »

:: [ Società ] Il nucleare e l’acqua: nessun dorma , di Stella Bianchi - L’Unità (Pubblicato il 06/04/2011 00:32:47 - visite: 1339) »

:: [ Società ] Intervista ad Alberto Arbasino , di Malcom Pagani (Pubblicato il 03/04/2011 16:07:07 - visite: 2700) »

:: [ Società ] La privacy del Cavaliere , di Eugenio Scalfari (Pubblicato il 30/01/2011 20:12:10 - visite: 1096) »

:: [ Storia ] Ipazia, o della laicità , di Michele Martelli (Pubblicato il 10/05/2010 22:21:15 - visite: 1518) »

:: [ Società ] Benedetto XVI ha fallito , di Hans Küng (Pubblicato il 17/04/2010 17:00:29 - visite: 1462) »

:: [ Politica ] Il ministero dell’amore , di Piero Ignazi (Pubblicato il 21/03/2010 21:23:05 - visite: 1194) »

:: [ Politica ] Il cinismo dell’eminenza , di don Paolo Farinella (Pubblicato il 07/03/2010 22:59:32 - visite: 974) »

:: [ Ecologia ] Il delirio della maggioranza , di Antonio Cianciullo (Pubblicato il 31/03/2009 15:31:46 - visite: 1354) »