Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2732 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 2 17:53:23 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Primo Maggio


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 28 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/05/2011 12:00:00

[ La poesia è letta dall'autrice, alza il volume ]
 

*

Da quanno che er monno è monno

Puro prima che lo sapessero rotonno

Dalla tera s’arzava forte er coro

Dell’ommini che chiedeveno pane e lavoro.

 

Pane vor dì vive senza fame

Lavoro cresce li fiji ner decoro

Ma oggi nun se fanno ponti d’oro

A chi vò guadambiasse er pane cor lavoro.

 

Le fije le vonno belle e tutte “…ine”

Sordi facili pe’ fa la rima co’ sguardrine.

Li maschi mejo se li crescemo carciatori

Chè tanto nun paga gnente diventà dottori.

 

Semo sicuri che nun è mejo

Avecce sulle mano er callo

Che immaginasse la regazzina tua

Mentre che bascia de ‘na statua er fallo?

 

E abbasta co’ la minchiata de’ la crisi

Doppo la guera ereno tutti smunti e lisi

Eppuro hanno cacciato della morte er lezzo

E rifatto l’Italia pezzo a pezzo.

 

Ar grido: “Vojo la libbertà oppure moro”

Hanno creato ‘na Repubblica fonnata sur Lavoro

E noi sta meravija la zozzamo?

De’ li padri fede e memoria rinnegamo?

 

Primo de maggio è er compleanno nostro

Che lavoramo duro e senza lustro

Famo la festa a chi ce vole toglie tutto

Senza er bastone e senza causà lutto.

 

Fino a che ce saranno le piazze e le elezioni

Basterà fasse cresce li cojioni

E nun sarebbe bello

Se, ‘nsieme, ce rimprendessimo er cervello?

 

Disceva nonna: “Si nun voi affogà,

cocca de casa, devi da notà”.

Me la rivenno: “Si voi ancora campà

Quando metti la croce, vedi che poi fa!”



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 28 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Come d’uno che salga le scale (Pubblicato il 01/03/2021 12:00:00 - visite: 64) »

:: Mätarlarven (Pubblicato il 22/02/2021 12:00:00 - visite: 91) »

:: Coro (Pubblicato il 15/02/2021 12:00:00 - visite: 45) »

:: Trilogia d’un tormento (Pubblicato il 25/01/2021 12:00:00 - visite: 170) »

:: È tempo per la distruzione (Pubblicato il 18/01/2021 12:00:00 - visite: 205) »

:: L’inganno della superficie (Pubblicato il 11/01/2021 12:00:00 - visite: 227) »

:: Grade românica (Século XIII) (Pubblicato il 31/12/2020 12:00:00 - visite: 211) »

:: Oggi ti sono passato vicino (Pubblicato il 21/12/2020 12:00:00 - visite: 246) »

:: Radici (Pubblicato il 14/12/2020 12:00:00 - visite: 197) »

:: Poesie scritte camminando (Pubblicato il 07/12/2020 12:00:00 - visite: 738) »