:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 118 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jun 21 05:32:25 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La Sacra Sindone

Argomento: Religione

di Giacomo Dimatteo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2024 13:06:27

La più importante Reliquia di tutti i tempi, per i Cristiani, è la Sacra Sindone. É custodita nel Duomo di Torino. Tantissime volte, attraverso i secoli, è stata esposta al pubblico. Sull’ argomento sono stati scritti tantissimi libri, esistono numerosi Documentari proposti e riproposti dalle televisioni; ne hanno parlato Papi, Imperatori, Critici, Letterati e Storici. Tanti hanno provato a mettere in dubbio la sua autenticità, ma hanno dimostrato soltanto ignoranza o presunzione. Stranamente la Chiesa indugia nel dichiarare l’autenticità di quel Sudario grondante fascino e stupore. Grandi scrittori e storici, pur essendo pagani o atei o giudei non cristiani, hanno parlato di Gesù e della sua vita straordinaria. Basti ricordare Tacito, Svetonio, Plinio il Giovane, Giuseppe Flavio. Desidero esprimere delle importanti considerazioni per “dimostrare” che la Sacra Sindone ha avvolto davvero il Corpo di Gesù crocifisso. Gesù, nell’istante del trapasso alla Vita Eterna, ha voluto lasciarci un “Segno” tangibile della sua venuta sulla Terra: la sua “fotografia”. L’energia sprigionata dal suo Corpo, nell’istante della Resurrezione, ha fissato sulla Sindone il suo sudore, il sangue e gli unguenti cosparsi sul suo corpo prima della sepoltura, creando l’immagine che ancora oggi, dopo duemila anni, riusciamo a vedere come se fosse stata fatta di recente! Eccellenti studiosi del Sacro Lino, attraverso studi, ricognizioni, esami, recensioni o libri, hanno trattato ampiamente delle caratteristiche dell’Immagine impressa sul Sudario. Ecco alcune conclusioni: - “non è opera di mano umana”; - è un “lenzuolo” di grande valore, usato per Qualcuno di grande spessore umano, storico o religioso; - l’immagine non contiene pigmenti ed è impressa soltanto su un micromètro dello strato del tessuto; - tra i tanti pollini che la stessa ha conservato attraverso i secoli, ci sono quelli del “cardo del Mar Morto”, che è presente solo in Palestina; - le due monetine che coprivano le palpebre degli occhi del Crocifisso – secondo le usanze del tempo – sono state identificate in due prutah (in aramaico) o lepton (in greco), risalenti all’epoca della Crocifissione di Gesù. … e infinite altre testimonianze scritte e documentate attraverso i secoli. É già un miracolo se possiamo vedere, anche oggi, il corpo di Gesù dopo la sua morte terrena, poiché quel Sudario è sopravvissuto a due incendi ed è stato custodito sempre e dappertutto con estrema cautela. A proposito dei segni della Crocifissione, tremenda esecuzione riservata ai peggiori malfattori, traditori o nemici, la Sindone li mostra in modo visibile e inequivocabile; essa veniva eseguita da esperti Romani in modo abominevole e crudele, conficcando i chiodi nello “spazio di Destot”, che si trova tra il polso e la mano. Un’altra riflessione può convalidare l’autenticità del Sudario di Cristo: il corpo di un malfattore, morto tra atroci e indicibili stenti sulla croce, secondo le usanze del tempo veniva buttato tra i rifiuti, perché era un “rifiuto umano” il cui corpo non veniva mai reclamato dai parenti. Proviamo a immaginare il volto di quel corpo dopo tanti patimenti: era una maschera di dolore, unita ad un corpo straziato, punito, martoriato da far rabbrividire e spaventare chiunque. Guardiamo, invece, il volto di Gesù della Sindone: è presente, composto, sereno e lascia stupiti, emozionati, sbalorditi. La conclusione di questo mio modesto scritto è possibile ritrovarla anche nel profondo dell’animo dei non credenti, degli atei e dei nemici del Cattolicesimo, il quale ammette che “quel Lenzuolo” ha avvolto davvero il Corpo di Gesù, dopo la Crocifissione. La peggior forma di handicap è la negazione del vero, del concreto, del giusto evidenziato dagli studiosi e dai documenti storici, ma “bloccato“ da certi scienziati perché … la spiegazione di quell’immagine non ricade sotto i nostri cinque sensi. Ma come si fa a voler negare la straordinarietà di “quella foto”, se nemmeno gli strumenti di alta tecnologia moderna sono in grado di riprodurla? Ci sono troppi “santommaso” che vorrebbero vedere Gesù in persona, per avere una risposta, per poi credere. Ma la Verità è troppo grande e misteriosa per essere concepita dal nostro cervello: le api, per quanto dotate di una certa “intelligenza”, non capiranno mai come è fatto un aereo! Gli atei e i non credenti, per ammettere la veridicità della Sacra Sindone, pretendono di trovare su di Essa la “firma” di Gesù! La firma c’è: è il volto sereno! Giacomo DI MATTEO


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giacomo Dimatteo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giacomo Dimatteo, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] rivalutare le antiche vestigia storiche di Gioi (Pubblicato il 19/01/2024 16:50:24 - visite: 237) »

:: [ Pittura ] L’arte di Nicola Rizzo (Pubblicato il 05/11/2023 22:16:05 - visite: 182) »

:: [ Arte ] Mostra del pittore cilentano Raffaele Di Matteo (Pubblicato il 27/03/2023 17:07:30 - visite: 301) »

:: [ Arte ] Inaugurazione atelier di pittura a Gioi (Pubblicato il 19/12/2022 13:50:56 - visite: 270) »

:: [ Arte ] Il pittore Nicola Rizzo premiato a Venezia (Pubblicato il 01/12/2022 21:11:18 - visite: 227) »

:: [ Letteratura ] Recensione a Risveglio di Bianca Fasano (Pubblicato il 10/05/2022 14:53:14 - visite: 185) »