Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2962 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 18 02:16:09 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Egregio signor Adolf Hitler

di Damiano Di Tizio
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/06/2012 15:21:33

Traccia del tema (in preparazione all’esame di terza media):

 

Scrivi una lettera a un personaggio storico che ti ha interessato quest'anno.

 

 

Svolgimento:

 

Egregio signor Adolf Hitler,

io stimo molto la sua Nazione, ma non stimo affatto lei né le cose che ha fatto. Non condivido i suoi principi nazisti, in particolare il razzismo. Gli uomini, di qualunque colore sia la loro pelle e di qualunque religione siano, hanno tutti gli stessi diritti e valori. Lei, oltre a essere un uomo (se così si può definire) che vede molto le apparenze, è anche un uomo disonesto perché ha violato la Conferenza di Monaco (che prevedeva che la Germania, dopo aver occupato avrebbe smesso di espandersi), invadendo tutta la Cecoslovacchia e la Polonia. Soprattutto odio la sua "soluzione finale" che prevedeva l'eliminazione fisica con il genocidio: lo sterminio di un intero popolo, spesso tramite camere a gas o fucilazione. Sono dispiaciuto per lei che ha capito che aveva fatto un grande sbaglio solo il 30 Aprile 1945, quando ormai il più era fatto. Con sincerità,

 

12 giugno 2012

 

Damiano Di Tizio



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Damiano Di Tizio, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Damiano Di Tizio, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Le barzellette di Damiano (Pubblicato il 19/09/2008 21:41:25 - visite: 1013) »