Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 40 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 2 09:05:38 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Con tutta la mia inutilità

di Filippo Di Lella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/10/2020 23:33:10

Io
turista della parola
tanto scritta
quanto cantata,
infante acerbo
con sbagli adulti e
duttili incubi da smantellare;
io,
rigo storto nell’opera,
numeratore di un me stesso
frazionato e ingordo
che non alza lo sguardo,
accidioso,
invidioso,
tribuno di un Cesare inesistente,
io,
sovrano di un impero di niente,
così inutile
e immenso;
puoi averlo tu, lo vuoi?
Io… Io
con questo passo adulto che cede il passo
ad un passo bimbo, a quand’era spoglia la carne
e in quei prati sconosciuti e fieri
incontravo gatti, lepri e volpi;
nel lento volteggiare del falchetto
si rivelava il profumo delle corse a venire
e di tutti i fiati come orchestre nel vento,
nelle strade vedevi ragazzi servi,
la lana di calzoni appesi, grembiuli sporchi,
eppure
su quei volti vedevi talvolta la gioia umile
di chi lecca i piatti del padrone per pulirli,
eppure
in quelle strade il calore esule di un cero
oppure giochi rubati al mondo ‘’grande’’ di baci e promesse
e di quei campi percepivi la distesa solida e infinita
della loro solitudine fredda,
talvolta neve,
talvolta sole e nubi
e il suo profumo intatto di cui,
oramai lontano,
il bimbo cerca di rievocare la sua immagine
composta nella compiutezza dell’assieme;
e poi…
Poi il profumo delle patrie mani,
d’olio e vernici, di pietra e polvere
e il profumo sudato di madre,
di pelli amiche,
del freddo,
delle pietre che rompono lucchetti,
il profumo del profumo delle parole che vagavano dalle pagine di un Calvino,
di un Buzzati, di Omero, di Ungaretti
e avrebbe voluto urlare,
senza voce,
muto bimbo con passo adulto,
mentre cedeva il passo al passaggio del tempo ladro,
traballante tavolino di un’osteria chiusa da molto
nei suoi ieri.
Prendi tu,
non è nulla, cara, ecco: prendi,
prendi, prendi tu,
prendi questo nulla immenso e inutile,
piccolo, stupido bagaglio perso ad una stazione
lontana dove avrei voglia di calciare via i treni,
la luna,
il biglietto,
tutti gli zoticoni che si animano
a vedermi steso e i loro ''Poveretto…'',
calcerei via le etichette,
ma che va?

Ubriachi a Parigi,
a Mosca o a Helsinki,
noi…
Annichiliti dai tram
sbrilluccicanti di neon,
io e loro,
fossimo ( almeno ) vento, voleremmo
nel profumo di quelle vite distese nei campi vuoti
dove riecheggia il sapore del niente,
su quelle strade feroci,
pagando il biglietto di quel tram
con l’essere follemente buoni e ciechi
nella selvaggia sconfitta dell’essere uomo.

Io… Te lo dono,
prendi cara,
non è nulla, questo niente,
non è niente, non è niente,
è solo un profumo,
è solo lo spazio tra noi,
aria e passi che vanno via.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Filippo Di Lella, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Filippo Di Lella, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sognando gli aquiloni (Pubblicato il 13/09/2020 12:44:11 - visite: 50) »

:: Refugium Peccatorum (Pubblicato il 22/06/2020 12:20:16 - visite: 79) »

:: Bevendo sotto al temporale (Pubblicato il 16/05/2020 10:23:33 - visite: 121) »

:: Al vento (Pubblicato il 16/12/2019 16:57:00 - visite: 172) »

:: ad Anjia P. Ettorova, con tutta la mia banalità (Pubblicato il 16/07/2019 16:35:00 - visite: 240) »

:: Sulla dinastia dei lupi (lettera dal mio tempo) (Pubblicato il 09/07/2019 15:17:36 - visite: 175) »

:: Rivoli d’acqua per fiumi di sabbia (Pubblicato il 05/07/2019 16:09:16 - visite: 178) »

:: Mattina d’estate (Pubblicato il 04/07/2019 09:53:26 - visite: 144) »

:: Le donne innamorate (Pubblicato il 20/05/2019 23:31:51 - visite: 249) »

:: Di amanti nel vento (Pubblicato il 12/05/2019 15:15:18 - visite: 299) »