:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 101 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 17 11:52:30 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Chi sono

di Robert Wasp Pirsig
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/05/2024 14:49:18

Sono terreno della peggiore specie,

friabile fino a comparire minerale

a più riprese. 

Questo è il nocciolo; questo, in terra.

È l’umanità che aumenta il volume

mentre si perde la polpa. Il succo

è indifferente. Non ne afferro il senso,

ma magari il frutto non sarà tormento.

Allora sia lode ai polmoni verdi, ai vomeri

rossi, alle gocce ingiallite dal pulviscolo 

atmosferico. Non fate caso alle differenze

come le differenze non fanno un caso di noi.

Adesso il prato è un libro aperto

e i papaveri seccati segnano punti salienti,

il meglio esposto nel dialogo con il vento:

Lui piaga quel che gli pare 

ma offre ossigeno a noleggio, a lungo termine

si spera. Fino ad allora sarò stato consentito 

da una presa di posizione di due terreni, 

mantenuta forse per qualche minuto 

e depositata nel ventre con la speranza 

che fossi una cima, non la frana che devasta

l'alveo dove ha messo piede.

Un  serio problema, vi dico, in base al dettato

'servi del podere per cambiare la terra.'

Non ne afferro il senso, ma magari nel solco

si trasformerà la trincea.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Robert Wasp Pirsig, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Robert Wasp Pirsig, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Quando posso prendo fiato (Pubblicato il 14/06/2024 11:45:42 - visite: 74) »

:: La cecità delle piante (Pubblicato il 06/06/2024 14:34:40 - visite: 75) »

:: Sollievo a stento (Pubblicato il 21/05/2024 15:04:55 - visite: 80) »

:: Derive (Pubblicato il 15/05/2024 11:22:26 - visite: 106) »

:: In erba (Pubblicato il 08/05/2024 13:19:39 - visite: 115) »

:: In coronata (Pubblicato il 03/05/2024 15:01:03 - visite: 273) »

:: Furore con gemito (Pubblicato il 22/04/2024 12:32:56 - visite: 92) »

:: Essere combattuto (Pubblicato il 11/04/2024 12:20:03 - visite: 161) »

:: Paradono (Pubblicato il 08/04/2024 13:09:07 - visite: 162) »

:: Fregata (Pubblicato il 04/04/2024 12:32:19 - visite: 131) »