Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 178 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 25 05:58:26 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I segni e la polvere

Poesia

Giorgio Bonacini
Arcipelago itaca Edizioni

Recensione di Marco Furia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/10/2020 12:00:00

 

Poetici segni

 

“I segni e la polvere” di Giorgio Bonacini è raccolta agile e intensa il cui equilibrio mostra una non comune saggezza poetica.

Il tono, asciutto e lineare, invita a percorrere con attenta sensibilità un cammino linguistico inedito (ma non del tutto ignoto: ci accorgiamo, così, di come talvolta frequentiamo luoghi con noncurante superficialità).

Pronunce quali

 

“Un uomo

e una donna

ora passano

indenni ma veri”

e

“Non è come incantare

coccinelle”

 

inducono ad empatica adesione all’immagine, alla parola.

Non mancano decisi tratti sorprendenti nel loro proporre al lettore zone idiomatiche inaspettate:

 

“Viviamo al di qua

di nessuno”

e

“farfalla che posa

[…]

per non dire

che è stanca

che ha una mania”.

 

Negli ultimi tre versi citati si avvertono echi da Adriano Spatola: echi altrove presenti in certe rime secche e ripetute.

Leggo poi a pagina 37:

 

“con l’aria che pare non sia

quella pagina in cui

come sai mi contengo”.

 

Occorre (anche) contenersi?

La poesia, che prima non c’era, viene costruita?

Sì, senza dubbio.

Più avanti, con onestà, Giorgio non si esime dal manifestare il proprio pensiero sulla sua umana condizione:

 

“In me

quasi riverso

puoi vedere il detenuto

non confesso

eppure reo

di tutto e niente”.

 

Pronuncia non priva di (implicita?) fiducia: il Nostro dice ciò che ha compreso e nel trasmettere simile comprensione in maniera poetica riesce, sul serio, a comunicare.

Comunicare la descrizione di un senso, la distinzione di un linguaggio finalmente soddisfacente, tale da promuovere migliori riflessioni.

Se vale la pena di continuare a riflettere, vale a maggior ragione la pena di continuare a esistere liberi,privi di condanne: d'altronde, in presenza dell’inesistente reato del “tutto e niente”, qualunque giudice assolverebbe il presunto colpevole.

È una colpa essere uomo?

No, no davvero e nemmeno lo è essere poeta.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »