Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 185 :: Adolescenza infinita, di Rossella Cerniglia
LaRecherche.it [Romanzo]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=188

Formato PDF - 2 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 350 volte

Formato EPUB - 433 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 126 volte

Formato mobi per Kindle
Invia al Kindle »
Aperto/scaricato 6 volte
Downloads totali: 482
Ultimo download:
21/05/2019 05:03:00
Data di pubblicazione:
06/06/2015 12:00:00
 
 

# 5 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Maria Teresa Savino - 04/07/2015 11:04:00 [ leggi altri commenti di Maria Teresa Savino » ]

Gentile Autrice,sto leggendo il suo romanzo che trovo interessante e ricco di sfaccettature filosofiche.Saprò dirle di più,allorchè la mia lettura sarà completata.Perchè, allora, le scrivo se non sono ancora in grado di inviarle un commento che nasca da cognizione di causa? Ebbene...ho letto più volte la sua presentazione e ho avuto la sensazione di guardare in uno specchio dove fosse impresso tutto il mio essere,tutta la mia ambigua personalità: quella che lei attribuisce ad un "Artista mancato". Ed invece, io son convinta che è proprio la stoffa dell’Artista, magari misconosciuta persino da noi stessi, che fa vivere la persona nella condizione psicologica che lei descrive così bene e in cui pure io mi ravviso.Se questo non è chiaro agli altri,se non porterà ad un conclamato successo, poco importa.Del resto,lei stessa ne ha spiegato le ragioni.Un cordiale saluto.

 Rossella Cerniglia - 29/06/2015 18:16:00 [ leggi altri commenti di Rossella Cerniglia » ]

Gentilissimo Luciano Nanni,grazie innanzi tutto per il commento ad "Adolescenza infinita" che ho molto gradito e apprezzato. Vorrei, anche, provare a rispondere, sia pur brevemente, alle sue domande, riguardo alla pag. 24 del mio testo, dove si accenna alla visione complessiva del linguaggio proposta dalla Sofistica. Per quel che mi riguarda, credo che nella parola risieda la funzione determinante, per l’uomo, di esprimere se stesso. Perciò, anche nel caso in cui questi dovesse mentire, tale menzogna farebbe essa stessa parte del suo essere. Vi sono ragioni inconsce (o solo in parte consapevoli e volute) per cui ciò avviene, e tutti noi, non solamente un analista o uno psicologo, di questo siamo convinti. Ma ancor più chi ha in compito di analizzare la psiche umana è in grado di pervenire, anche attraverso questi sotterfugi della mente, ad una verità di fondo che affiora anche attraverso la "non -verità" o la "verità non esplicita" delle nostre parole. Anche la menzogna, così, viene ad essere una verità di ordine diverso, perché in se stessa, contiene anche le ragioni profonde del nostro mentire.
Anche se l’argomento si presta ad essere attraversato in lungo e in largo,sostanzialmente e brevemente, questa è la mia posizione, che può valere anche riguardo all’altra perplessità da lei espressa e ad essa collegata. Rimane, tuttavia, il fatto che per molti altri aspetti non condivido la posizione dei Sofisti, e, soprattutto, per quel che concerne l’uso spregiudicato e amorale della parola.
Ancora grazie, e un caro saluto.

 Luciano Nanni - 24/06/2015 08:56:00 [ leggi altri commenti di Luciano Nanni » ]

Un romanzo dove si incontrano natura e filosofia: quindi non pochi punti interessanti. Però chiedo: veramente (p. 24) la parola rivela l’uomo? non esiste una parte di finzione, o meglio, di estraneità nella scrittura? Accetto volentieri il moltiplicarsi delle idee, anche se “tutto eternamente muore”. Belle le pagine descrittive, raffinate e con un vivo sentimento delle cose.

 Rossella Cerniglia - 09/06/2015 13:00:00 [ leggi altri commenti di Rossella Cerniglia » ]

Grazie Franca, sei gentilissima e molto brava.
Un caro saluto
rossella

 Franca Alaimo - 08/06/2015 23:58:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Avevo già letto questo romanzo di Rossella. Rileggerlo è stato un modo per aggiungere altre impressioni e riflessioni a quelle che già avevo avuto modo di esprimere. Il tema dominante della solitudine e dell’incomunicabilità di sé è quello che caratterizza tutta la scrittura dell’autrice. Ad esso si affianca quello della bellezza, l’unico lenimento per un’anima sempre che cerca sempre con ostinazione il senso della vita. Non è un caso che molte delle pagine di questo romanzo contengano non solo delle sintesi efficaci sui sistemi filosofici di alcuni tra i filosofi più amati, ma che tutto il libro sia pervaso da quest’attitudine filosofico-esistenziale. Di fatto, sebbene venga fuori dalle pagine di questo romanzo anche una trama dolorosa, che vede la protagonista Marida terribilmente ferita da una serie di tragici eventi ed abbandoni, a partire dalla sua prima infanzia, l’elemento narrativo dominante è di altra natura: di una natura assai più delicata e complessa, qual è l’indagine di un’anima condotta con un’attenzione, una maestria, una sincerità davvero inusuali e spesso commoventi. E’ palese come l’autrice sia attenta a leggere costantemente la sua dimensione interiore, la sua difficile relazione con il mondo e con gli altri, sebbene mai ella scivoli in un banale protagonismo o biografismo; tanto che ciascuno può identificarsi nella delusione di Marida, nel terribile avvertimento della provvisorietà delle cose e dell’incombere della morte pur nell’esultanza della vita. La serie di amori vissuti dalla protagonista non hanno nessuno scopo di coloritura erotica. Essi, invece, vogliono sottolineare la non-durevolezza di un sentimento così idealizzato e così erroneamente proiettato verso dimensioni assolute.
In fin dei conti è l’impossibilità di raggiungere l’Assoluto che muove Marida, che la fa soffrire ed allo stesso tempo la tiene in vita, spostando continuamente la sua ricerca oltre il già conosciuto.
E’ questo romanzo un libro difficile e complesso, lontano dai prodotti che più si vendono. Questo è appunto il suo pregio massimo. Siamo tutti stanchi di "leggerezza/e". A noi piace la profondità.