Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 191 :: Vecchi corpi, di Gabriella Maleti
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=194
Di Gabriella Maleti
puoi anche leggere:

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 461 volte

Formato EPUB - 203 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 128 volte

Formato mobi per Kindle
Invia al Kindle »
Aperto/scaricato 2 volte
Downloads totali: 591
Ultimo download:
12/04/2019 10:34:00
Data di pubblicazione:
03/11/2015 12:00:00
 
Notizie sull'eBook
(per fermare lo scorrimento posizionarsi con il mouse sulla zona gialla):

Articolo di Vittoria Ravagli su "Carte sensibili":

https://cartesensibili.wordpress.com/2015/12/29/tempiquieti-vittoria-ravagli-leggendo-vecchi-corpi-di-gabriella-maleti/ 

 

# 12 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 leopoldo@attolico.it - 18/12/2015 22:53:00 [ leggi altri commenti di leopoldo@attolico.it » ]

Il lato umano e la sua rappresentazione . E’ questo il referente che - credo .- faccia onore , come in altre occasioni , a Gabriella Maleti . Uno specifico risolto con la sorvegliata cadenza delle sole parole che contano , quell’espressiva nudità che fa della poesia strumento affilato di conoscenza e di immediata condivisione .
Con un grazie
leopoldo -

 Maria Musik - 02/12/2015 12:41:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Ringrazio di cuore la Maleti per questo dono.
C’è molto da imparare dal suo versificare, dal modo di guardare, sempre, senza fingere di non vedere e con sguardo acuto ed empatico, dalla sua tenerezza aguzza.
Grazie: ho ricordato un’esperienza di volontariato a me cara e che non avrei mai saputo rappresentare. Ora potrò raccontarla con i suoi versi.

 Roberto Mosi - 14/11/2015 11:19:00 [ leggi altri commenti di Roberto Mosi » ]

La partenza, le foto in bianco e nero senza distrazione di colori, disadorne, rivolte all’essenza del vivere nell’istituto, per immergersi poi nella poesia dello stesso colore, che ti prende per mano e ti fa incontrare la luce delle altre presenze. Perché non dire tristezza? La poesia di Gabriella ti porta a stabilire un’empatia con le anziane presenti nell’istituto e ti accorgi, mi accorgo, che sono passi nell’angoscia della vecchiaia, nella paura della morte, scanditi da una poesia essenziale, bella per la sua nudità, in bianco e nero. Diviene una partenza e un ritorno alle due foto iniziali, secondo un pensiero che scende nel profondo, un di-svelamento che ti dà i brividi. Grazie Gabriella.

 Loredana Savelli - 13/11/2015 20:42:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Ho letto questi versi, sin dai primi, quasi con pudore, così come pudico e intensissimo è lo sguardo della fotografa, qui senza alcun filtro di fronte a una verità esistenziale colta con un anticipo che si immagino sia stato formativo e orientante per la sua stessa vita.

E’ questa la poesia che leggo con maggiore partecipazione, laddove non c’è alcun indugio estetico ma accoglienza del dato reale, com-passione, onestà intellettuale, eppure trasfigurazione.

Complimenti Gabriella

 Mariella Bettarini - 09/11/2015 18:38:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Grazie di cuore, carissime amiche e amici, per la vostra intensa partecipazione a questo lavoro poetico di Gabriella, che vi ringrazia sentitamente.
Un grande augurio e un affettuoso saluto da
Mariella e Gabriella

 liliana ugolini - 08/11/2015 19:18:00 [ leggi altri commenti di liliana ugolini » ]

Cara Gabriella, questo tuo dialogo per voce sola fra biscottini e dissolvenze esplicita le tue immagini fotografiche che a suo tempo vidi.Ora sono qui trascritte in una pietas partecipata di segni "visivi"
che si allargano all’infinito e tutti ci accoglie in esperienze toccanti e vere.

 Eugenio Nastasi - 07/11/2015 11:32:00 [ leggi altri commenti di Eugenio Nastasi » ]

Basterebbe fermarsi a qualche citazione "gli occhi passano insieme un poco fanciulli/ proprio come la vita che va per la sua strada" (n°10) o "Siamo qui, in una distesa piatta, deserta, piena/ di sabbia...Una pianta lontanissima muove qualche foglia" qualche pagina più in là, per entrare con sobrietà, quasi con pudicizia, in questo lavoro delicato e alto di Gabriella Maleti che ha visitato ( e fatto suo) il deserto dell’età adunata, in tanti anime di "Vecchi corpi", dentro una casa di riposo. L’intento documentaristico cede il posto all’esperienza samaritana accogliendo da quelle storie, da persona-poeta e fotografa, la conquista fondamentale e cioè l’essenzialità espressiva per portarla, con una versificazione, molto misurata, verso un piano esistenziale dove le creature anziane, prossime a passare "all’altra sponda" , con sfoghi o con parole mozze, tendono alla liberazione mediante il canto della poesia. Bella testimonianza, allora, per un’età e una condizione umana, oggi, privata della sua ’solennità drammatica’, mi si consenta, mentre basterebbe il calore del sentimento, che pure è umano e dunque ci appartiene, per essere condiviso, anche se "la sabbia vola sottile sui volti’, come evento e vicenda della vita che ci accomuna. Complimenti, Gabriella, e grazie per averci indotto a leggere una pagina perentoria, ma anche carica di delicatezza.

 salvatore violante - 05/11/2015 17:30:00 [ leggi altri commenti di salvatore violante » ]

Una poesia svestita d’ogni orpello. Forte della necessità della testimonianza. Nuda come lo è la solitudine, tenera come avviene per gli slanci empatici. Il verso che non suona, che racconta:una poesia che è corpo e che dà corpo. La Maleti fotografa i pensieri e da quel fondo, quale negativi, si staccano e galleggiano parole.

 Luciano Nanni - 04/11/2015 21:31:00 [ leggi altri commenti di Luciano Nanni » ]

La poesia della Maleti si distingue per una certa precisione semantica, che tuttavia lascia ampi spazi all’immaginazione e quindi a una ricostruzione mentale dei contenuti: in questo risiede il suo fascino, cioè saper unire l’oggettività alla fantasia.

 Franca Alaimo - 03/11/2015 23:31:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

La poesia di Gabriella Maleti non si affida agli strumenti retorici di genere, ma alla verità di una testimonianza che intende fissare frammenti e movimenti - anche minimi- sia fisici che psichici (ma i primi sempre sono interpreti dei secondi)di "vecchi corpi" di donne che che trascorrono i loro ultimi anni negli ospizi. Innanzitutto per condividerli con se stessa ( in una serrata e dolente riflessione sul tempo che si sfalda come "filigrana nera del nulla" ed appassisce come "rosa vecchia" ); e, in quanto affidati alla scrittura, ai lettori.
La scelta da parte dell’autrice di una struttura dialogico-narrativa determina, per forza di cose, un registro linguistico per lo più medio, spontaneo ed essenziale, che fa quasi da cassa di risonanza alle domande centrali: cos’è la vita dei vecchi custoditi spesso come oggetti di serie in un ospizio? E ancora: cosa sono essi per il mondo degli uomini che vivono fuori da quelle pareti? Qual è il loro vero volto?
Di tutte le donne, che l’autrice incontra e spesso fotografa, non viene dichiarato il nome, come a volere sottolineare la comune condizione di solitudine, di resa, di spossessamento della propria identità. Eppure, in questo universo asfittico, non mancano i bagliori del bello e del buono, affidati a qualche verso di tenera liricità, come quando, in una giornata serena di sole, tutte queste donne vengono paragonate a dei "fiordalisi tra il grano"; o quando un anziano che va a trovare una di loro "sorride come un mestolo d’acqua pura". E’ lo sguardo dell’autrice ad essere poetico, a fare sgorgare da quei volti, dai gesti, dalla malattia,dalle parole smozzicate e apparentemente insensate, dalle risa improvvise e senza motivo, dalle lacrime una purezza, un’innocenza animale, infantile.
Spesso ho parlato di "tenerezza" a proposito della poesia della Maleti, di una tenerezza che nasce dall’autentica empatia con la quale aderisce alle cose ed alle creature, e che fa sì che anche nella disperazione e nella prossimità accecante della morte compaia un sorso di luce.

 lino - 03/11/2015 21:27:00 [ leggi altri commenti di lino » ]

Complimenti signora Maleti. Vi sono rime e assonanze tradizionali,
sebbene la narrazione renda uno stile che si avvicina alla prosa.
Si avvicina ed è anche una narrazione, perché il poeta sta scrivendo
proprio quando cammina, s’alza, e si sveglia e mangia con loro.
Il poeta qui è in assonanza con il tempo del corpo vecchio.
Vede per fissare una immagine nello spazio, e sente nel verso
il loro scorrere del tempo, anticipando suoi e nostri appuntamenti,
fornendo così universale compassione e prima comprensione
di ciò cui siamo destinati. Complimenti.

 Mariella Bettarini - 03/11/2015 17:28:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Auguri vivissimi a Gabriella ed i più sentiti complimenti per questi suoi magnifici, commossi e commoventi, testi poetici.
Grazie di cuore agli amici Roberto e Giuliano per la pubblicazione.
Un saluto con affetto,
Mariella