Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 70 :: Le nozze d’oro, di Francesco Carmine Tedeschi
LaRecherche.it [Racconto]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=73

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 894 volte



Downloads totali: 1,#QNAN
Ultimo download:
11/02/2018 19:56:00
Data di pubblicazione:
10/03/2011 12:00:00
 
 

# 7 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Carmen De Mola - 03/04/2011 16:13:00 [ leggi altri commenti di Carmen De Mola » ]

Un ménage matrimoniale, durato ben dieci lustri,riesce a far decollare la retorica di un prete di paese, chiamato ad esaltare, dal pulpito della vecchia chiesa, l’esemplarità di un vincolo matrimoniale che ha vinto la sua scommessa con il tempo e con le mode. La festa d’anniversario è, quindi, una pirandelliana "vestina" che riveste le nudità esistenziali di un rapporto coniugale sfibrato,ormai privo di tenerezza e complicità. Alle capacità affabulatorie del narratore il compito di far detonare il rancore di un rapporto d’amore, trasformatosi negli anni in una trappola letale.
Ma allora, per citare il titolo di un famosissimo libro di Raymond Carver, "di che cosa parliamo,quando parliamo d’amore?

 Antonietta Lestingi - 21/03/2011 19:19:00 [ leggi altri commenti di Antonietta Lestingi » ]

In un tempo che ci vede sempre più in difficoltà nel comunicare le nostre consapevolezze, a parlare per noi sono i gesti, più restii a camuffarsi ed a sopportare limitazioni. "Le nozze d’oro" indaga con sottile maestria i rapporti di convivenza familiare e di buon vicinato, non tralasciando pennellate che dipingono compiutamente le comparse: don Ronzino, Doriana, Michelangelo, Sarina.
Dopo la presentazione iniziale di zia Miuccia, Carmine Tedeschi ce ne fa fare la conoscenza attraverso la descrizione del suo terrazzo: si apprende molto di una donna guardando il balcone di casa sua. Le piante vi crescono rigogliose e infestanti, assoggettate senza scampo alle cure ferree della padrona ed agli schemi affettivi che la vedono imporre il proprio bisogno di seguire l’inclinazione a realizzarsi attraverso il dono, decisamente senza mai sospettare che la vera generosità lascia spazi d’azione anche agli altri.
Si innesca così un meccanismo di flebili ribellioni che finiscono per sfociare in ritorsioni dal peso via via più grave, fino ad arrivare ad esiti impensabili. Tutto si svolge senza apparenti sconvolgimenti, lasciando trapelare il disagio che provocano piccoli drammi personali, che pare ognuno possa gestire da sè: situazioni che si ritrovano alla base di tante tragedie che proliferano nella cronaca soprattutto dei nostri giorni.
Ottima la costruzione della trama, che non lascia sbavature nè spazi vuoti.
Uno scrittore serio, e capace, finalmente, di raccontare ancora.

 Loredana Savelli - 20/03/2011 18:06:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Fresco lo stile di questo delicato racconto, in cui l’introspezione psicologica è sottile e venata di ironia bonaria.

 Antonio De Marchi-Gherini - 19/03/2011 00:05:00 [ leggi altri commenti di Antonio De Marchi-Gherini » ]

Un bel racconto, non c’è che dire. Arioso e nello stesso tempo miniato nelle descrizioni ambientali e psicologiche.Complimenti e continui così, spero di leggere altre cose, auguri sinceri

 Vito Russo - 18/03/2011 22:26:00 [ leggi altri commenti di Vito Russo » ]

Complimenti a Carmine per questo racconto vivido, godibile. Carmine ci invita a riflettere sull’ipocrisia, sul ruolo che abbiamo, che ci costruiamo, nelle relazioni con gli altri e, soprattutto con noi stessi, presi dai nostri egoismi, dai nostri torna conto, dai nostri quieto vivere, senza badare ad essere veri, autentici. La prosa è fresca, ariosa, brillante, ironica, ma anche molto credibile, sincera. Bravo.
Vito

 mariella napoletano - 12/03/2011 20:10:00 [ leggi altri commenti di mariella napoletano » ]


Grazie allo scrittore Carmine Tedeschi. La lettura del testo è proceduta piana, dal passo leggero e lieto.
Ho scorso la casa alta, i protagonisti li ho visti, così delineati e spigliati, così a non prendersi troppo sul serio. Sinchè il dramma non ha il sapore del dramma, ma addirittura col sorriso colgo l’amen dello scritto.

E mi fa pensare a certa leggerezza mirabile del vivere, chiave ottimista di pensare e di vedere.

E mi fa pensare sì, alle stringenze del quotidiano, banco di prova dell’"Arte di vivere" con Gandhi.

Oso: la lettura gustosa, mi ha ancor più confortata per certi moti che ho trovato poetici: i capelli della donna vicina di casa, il baluginare dei fuochi nella notte, lo scivolare al fianco l’una dell’altro e il volto della donna matura, dipinto quasi,il suo rimuginìo dei fatti sulla fine delle piante. . . oh le piante e quanto le dicevano. . .
e l’avvilluppo e l’indipendenza, come tratti del quieto viver che non diventa più quieto. . .

grata all’autore per tanto saper scrivere e saper dilettare coll’innesto della riflessività,

mariella napoletano



 Franca Alaimo - 10/03/2011 22:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Un racconto che scorre veloce, tratteggiando caratteri e situazioni in modo arguto.Il protagonista, che si lascia scorrere la vita addosso così come viene, senza particolari vizi o virtù, con un gesto, senza immaginarne le conseguenze, fa precipitare la storia verso un finale un po’inaspettato e triste.
Ciò che viene messo sotto accusa è l’ipocrisia di una lunga storia coniugale, intessuta di scontri e prevaricazioni quotidiane, ma anche dei rapporti umani, in genere, improntati ad un personale tornaconto.
Molto spontanei e veritieri i dialoghi ravvivati, spesso, da espressioni dialettali.