Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 75 :: Blues, canzoni ed altre solitudini, di Marco Giampieri
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=78

Formato PDF - 2 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 438 volte



Downloads totali: 1,#QNAN
Ultimo download:
22/11/2017 08:16:00
Data di pubblicazione:
30/04/2011 12:00:00
 
 

# 3 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Marco Giampieri - 20/05/2011 15:56:00 [ leggi altri commenti di Marco Giampieri » ]

Ho già ringraziato direttamente Loredana. Ringrazio Eugenio Nastasi che mi ha onorato della sua attenta lettura, cogliendo i temi essenziali della raccolta.

 Eugenio Nastasi - 06/05/2011 12:33:00 [ leggi altri commenti di Eugenio Nastasi » ]

Veicolato da una prefazione di garbata e puntigliosa lettura, come sempre, di Franca Alaimo, il testo proposto da Giampieri porta con sè i connotati di una confessione che avvolge il lettore con una versificazione diretta, quasi volutamente senza orpelli. Indici di una larga apertura umana nella poesia di Giampieri sembrano, allora, il tono di colloquio con cui il poeta scandisce i tempi esistenziali della sua ispirazione, che scaturisce, man mano che il paesaggio affettivo assume esatta configurazione,da elementi quotidiani recuperati in sede autobiografica e poi la lingua. Questa si offre non subito come uno strumento per fare poesia, ma come un aspetto dei momenti umani, carichi di malinconica speranza, in cui gli amori, le aspettative, gli incontri, i luoghi, quasi tutti in cifra di solitudine, in definitiva conducono i versi, carichi di tutta una somma di significati, a diventare, per empito, frasi poetiche.
Giampieri è come se ci dicesse che si è più soli nell’amare che nel vivere e la poesia, nella determinazione del canto, ne rappresenta la sintesi.

 Loredana Savelli - 03/05/2011 16:30:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Segni, sensi, significati nelle storie accennate e nei personaggi sfuggenti di queste bellissime poesie che sanno tanto di blues, di ballate, di note calanti, di contrattempi. Poesie narrative senza volerlo essere, aleggiano in ambienti cittadini, zone portuali, strade notturne e piovose, stazioni, binari, carrugi. Sono sussurrate, dolenti, ossessive, sono albe che soprendono i viandanti della notte, le anime stanche.
Man mano che leggo mi piace appuntare le prime impressioni, è un flusso che mi sta conquistando, ma con estrema delicatezza.
Cito alcuni versi dalla prima parte (Ritratti appesi al cielo):

“Perché i sogni gridano e accusano
e toccare non basta credere non basta”
(da “Awful tune”)

“Nel sogno che ho fatto
cancellavo gli errori
che cadevano a terra
sempre privi di senso
combinando nel volo
intenzione e destino”
(da “Nel sogno che ho fatto”)

“C’è sempre una cura nei nostri sogni
una perfezione di cui vergognarsi”
(da “Alla fermata del treno”)

Nella seconda parte (L’amore in pochi accordi) domina il senso della perdita, l’amarezza dei sogni delusi. Ritorna anche qui un dettaglio già molto presente nella prima parte: le labbra femminili.

Cito da “Peccato”:

“Peccato per quelle carezze mai date
come viole spogliate dal cielo
in un maggio di selvatici odori.

Non resiste ai confini bruciati
quel disegno di labbra perfette".

Infine cito dalla parte conclusiva (Solitudini):

“C’è una pace che aspetto
come neve ai monti
per lasciare in silenzio
la fatica di amare”
(da "Pace")

“Ognuno rimane il suo fiato inespresso
anima in cerca di un flebile dove
di un suono più dolce
più semplice
del suo inatteso gridare”
(da "La notte")

La conclusione non fa che confermare il tono sommesso di tutta la raccolta, è un confidare nel silenzio interiore dove si custodiscono bellezze indicibili e al lettore arriva un’eco gentile, un invito all’intimismo.

Tra tutte ho letto con particolare emozione “La veste candida”,“Il poeta dai capelli di velluto”, “Quel volo per sempre lontano”.

Complimenti davvero. E’ una lettura dolce-amara, riconciliante.