Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
25 novembre: Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 76 :: Il ponte di Heidelberg, di Sergio D_Amaro
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=79
Di Sergio D_Amaro
puoi anche leggere:

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 523 volte



Downloads totali: 1,#QNAN
Ultimo download:
17/11/2017 18:05:00
Data di pubblicazione:
10/05/2011 12:00:00
 
 

# 6 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 marco giampieri - 19/05/2011 16:54:00 [ leggi altri commenti di marco giampieri » ]

Voglio rileggere con più attenzione. E’ una corrente lenta e inevitabile e noi non possiamo starne fuori. Questa è la mia prima impressione. Poi i luoghi così coerenti e in tono, ho vissuto per un mese a Wurzburg,che ricorda per molti aspetti Heidelberg (che è molto più bella), l’Alte Mainbrucke, il Festung in cima alla collina, la campagna dolcissima intorno. C’è qualcosa che attrae di questo microcosmo, lieve e profondo insieme, che induce allo spleen e ad una malinconica lentezza che mi ricorda inevitabilmente Mann e, ancora di più, le lunghe, esasperanti e ricche sequenze del cinema di Visconti.

 Luca - 14/05/2011 23:47:00 [ leggi altri commenti di Luca » ]

caro sergio complimenti.
sto leggendo con calma e il tempo giusto che va dedicato alla poesia.
mi sembra molto bello che tu abbia cercato l’asciuttezza, mentre il difetto di tanti e di essere sempre un pò roboanti.
Credo di ritrovare degli echi di Eliot, e del suo tentativo di nitidezza. "è così facile, infatti, morire per acqua! mi sembra un chiaro cenno a lui.
continuerò a leggere e grazie per questi bei versi.
luca

 Giorgio Mancinelli - 13/05/2011 17:05:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

"Non siamo mai stati qui". Se non qui, dove? mi viene da chiedere all’autore di tanto spleen, di tanta malinconia versata nel fiume dei ricordi che, quasi, mi viene di alzare una diga affinché non vengano portati via nell’immenso mare che li aspetta. C’è un castello inaccessibile lì sulla collina, una torre o forse più, poi i tetti delle case, i comignoli che non fanno fumo, le grondaie che non gocciolano, i venti che non fanno più sbattere le vecchie insegne dei negozi... proprio come noi, tutti quei noi che "non abbiamo vissuto nelle cose". Eppure c’è stato e c’è tutt’ora un cuore che batte, e forte, nascosto in un solaio chiuso da un muro, che non ha più voglia di battere per qualcuno. Ma che ha pulsato, un giorno, per molti giorni, per tutti gli anni che gli sono concessi, senza gridare, con mestizia, quasi con timore, quando "la doppia essenza del mondo" si è rivelata la doppia essenza della vita. Quando, dopo aver cantato la "città" visione, ha cantato la "città" sogno, dopo aver amato la "città", ha costruito un ponte sospeso fra due reaaltà. E quando, per aver scoperto il vero amore, l’ha attraversato, l’ha trasformato in viaggio: "questo allontanarsi dalla propria carne", nella volontà di attraversarlo, per ritornare l’inizio della sua ragione. Dopo la vita di ognuno di noi c’è un ponte sospeso che dovremo attraversare, che porta all’infinito. Sì, "è qui la fine del dolore", quando l’essenza del mondo si congiunge con l’essenza della nostra vita. Complimenti vivissimi per la tua liricità che supera la poesia per farsi canto, un’egloga infinita dei nostri giorni vissuti, e non senza uno scopo, perché era quello l’unico scopo a cui era designata: vivere.

 Franca Alaimo - 10/05/2011 19:24:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Il ritmo lento del poetare, mentre l’occhio recupera dal passato stagioni e paesaggi di neve, ritorni di foglie e di piccoli eventi ciclici, sottolinea la malinconica tensione con cui l’autore si rivolge agli amici e agli amori d’un tempo,come per una ricerca di consistenza dell’orma minacciosamente leggera che lasciano gli incontri e i giorni già scivolati indietro. Così che di volta in volta il destinatario del testo poetico viene chiamato a testimoniare e a resistere alla fragilità del passato, condividendo un minuto affestellarsi di particolari, di sensazioni, di nomi concreti di strade, piazze, città, raccolti durante il "viaggio" esistenziale. Ma questi destinatari hanno la consistenza dolorosa di "fantasimi" dolci ed evanescenti.
Tutto questo è pronunciato con stile altamente lirico, che rende la lettura di questo libro affascinante.

 Loredana Savelli - 10/05/2011 17:30:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Acqua e tempo, un flusso continuo sotto gli occhi di un osservatore molto particolare, coinvolto ed estraneo contemporaneamente alla vita e ai luoghi in cui si trova a vivere. Propettiva molto particolare quella dal ponte di Heidelberg: è una condizione sospesa, di attesa, un periodo a termine (scandito da onnipresenti orologi) nel quale il protagonista vuole condensare (rivolgendosi ad un ideale testimone, Friederich) la pre-visione di una vita nella consapevolezza che il passato è partenza e meta finale ("Forse mi basta sapere/che vengo dall’acqua/e all’acqua ritornerò).
Una scrittura avvolgente, cullante.

 Roberto R. Corsi - 10/05/2011 16:43:00 [ leggi altri commenti di Roberto R. Corsi » ]

ho apprezzato molto questa silloge. Grazie ad Autore ed Editore per averla [ri]proposta.
Ho postato le mie sensazioni di lettura, naturalmente soggettive, qui:
http://wp.me/p2fT4-ok

RRC