Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 224 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 19 01:53:59 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

In morte di un clochard

di Franca Colozzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/03/2017 19:33:51


Il mio pensiero va a quel povero clochard bruciato vivo. Ma in quale società disumana viviamo? Chi ha commesso l'atto dovrebbe patire le pene crudeli da lui inflitte a quel povero clochard, già provato dalla vita!
E' facile dire di averlo fatto istintivamente. E se lo avessero fatto a lui, stupido assassino? Non c'è giustizia né pace in questo mondo, solo un piccolo grande inferno fatto di omertà, brutalità, ignoranza.
Mi domando a volte se questo è il vero inferno di dantesca memoria, in cui i ricchi vivono in una specie di paradiso-limbo incantato, dove governano pochi dell'alta borghesia e della finanza. L'uomo di strada non conta niente, forse meno di un oggetto qualsiasi; il migrante meno che niente. Carne da macello!
Non è degno l'uomo di vivere sul pianeta Terra. E' la bestia più feroce e stupida di tutto l'universo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Colozzo, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Poesia e società (Pubblicato il 08/04/2018 19:44:24 - visite: 108) »

:: Pasqua di Pace (Pubblicato il 27/03/2018 18:46:51 - visite: 73) »

:: EAP o No EAP: questo è il dilemma! (Pubblicato il 19/02/2018 00:48:42 - visite: 170) »

:: Un Carnevale scenografico (Pubblicato il 13/02/2018 12:41:01 - visite: 96) »

:: Sibilla rivisitata nei pensieri (Pubblicato il 13/01/2018 22:54:33 - visite: 129) »

:: La mia email (Pubblicato il 10/01/2018 22:01:02 - visite: 122) »

:: Auguri di Buone Feste (Pubblicato il 21/12/2017 22:07:06 - visite: 119) »

:: IT Homo (Pubblicato il 26/09/2017 19:41:21 - visite: 238) »

:: My Birthday (Pubblicato il 30/07/2017 08:58:02 - visite: 243) »

:: La cicala e la formica (Pubblicato il 21/06/2017 22:20:47 - visite: 197) »