Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 972 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Feb 22 02:46:55 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ecce homo

di Maria Rita Mutolo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/05/2013 00:23:16

ECCE HOMO

 

Io sono l’uomo

che hai ricavato dal nulla

l’impronta

che hai dato alla polvere

perché un alito caldo, fecondasse

di vita, questo corpo esanime.

 

Sono l’apostolo che ti ha tradito

il figlio estraneo                               

che ogni giorno, cresci.

 

L’opposto, della tua destra

un oscuro riflesso

sul mio lato sinistro… ecco

chi io sono

 

l’uomo, che pur tendendo l’arco

dello sguardo, non ti vede

 

colui che dispera, ragionando

l’incomprensione dell’esistere

in compagnia della morte

e porgendo l’orecchio

ancora non ti sente, al suo fianco.              

 

Ciò che perennemente, sono

è quanto sarò, e fui… l’uomo

null’altro che uno schizzo

mosso dallo spazio, e indefinito

nel tempo.

 

10/07/11

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Rita Mutolo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Rita Mutolo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Nulla di un’identità (Pubblicato il 15/05/2013 17:35:00 - visite: 816) »

:: Poesia sintetica (Pubblicato il 15/05/2013 17:13:08 - visite: 1313) »

:: ’Queste non sono stelle’ (Pubblicato il 11/05/2013 01:14:09 - visite: 1037) »

:: Non essere, qui (Pubblicato il 11/05/2013 01:07:37 - visite: 792) »

:: Il nome (Pubblicato il 11/05/2013 00:59:02 - visite: 739) »

:: E così amarti (Pubblicato il 11/05/2013 00:50:58 - visite: 627) »

:: Nelle parole (Pubblicato il 07/05/2013 18:15:47 - visite: 922) »