Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST 10/07/2018: CHERCHEZ LA FEMME | festeggia: #cherchezlafemme
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 25 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jul 15 19:07:03 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Falsità sul lavoro

di Angelo Ricotta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/07/2018 20:25:59

Come di consueto i servi dei poteri economico-finanziari si stanno scatenando sui massmedia per propalare falsità abissali sul lavoro. Tutto ciò in coincidenza perfetta con le misure che l'attuale governo intende attuare nel settore. Tempo fa teneva banco la bugia che gli italiani non volevano fare più certi lavori e che quindi ci servivano più immigrati. Questa bugia è stata ampiamente smascherata allorché è stato messo in evidenza il fatto che gli italiani non vogliono essere trattati da schiavi e non che non vogliono fare certi lavori. Adesso è venuta alla ribalta, con sempre più insistenza, un'altra falsità: il non incontro fra il sistema della formazione scolastica con le esigenze dell'industria. Si afferma che esiste una grande offerta di lavoro tecnico che non incontra una sufficiente domanda soprattutto da parte degli italiani e che anzi una parte di questa offerta viene coperta da immigrati di prima o seconda generazione! A parte il fatto che non credo minimamente a quest'ultima affermazione che proviene, ovviamente, dalla solita area ideologica che ci vuole sostituire con immigrati o che comunque ci vuole convincere che convenga anche a noi (?) accoglierli, magari tutti, per le ragioni più folli, tra le quali il rimpolpamento della popolazione, è però la prima affermazione che è la più subdola. A prima vista, senza esercitare alcuna analisi razionale, questa asserzione potrebbe sembrare verosimile, ed è proprio questo l'effetto che si vuole ottenere, scientemente e cinicamente, sulle persone sprovvedute: ovvero che la mancanza di lavoro è colpa loro e delle istituzioni che li hanno formati e non colpa degli speculatori economico-finanziari che vorrebbero una manodopera mondiale a basso costo e prona alle loro esigenze contingenti, insomma delle obbedienti marionette o schiavetti. Quello che si tace colpevolmente è che il divario fra formazione scolastica ed esigenze dell'industria non potrà mai essere colmato, nemmeno in linea di principio. L'evoluzione tecnologica è così rapida che nel momento in cui uno, acquisita la formazione tecnica che era richiesta all'inizio del suo percorso, si ritrova sul mercato, la sua formazione tecnica è quasi sempre diventata obsoleta e quindi non troverà comunque lavoro: solo pochissimi di costoro lo troveranno, i più sono destinati a diventare carne da macello. Perciò non si può sacrificare la vita delle persone alle momentanee esigenze dei poteri economico-finanziari costringendole nell'angusta dimensione di una formazione tecnica particolarissima e perciò contingente che viene, per l’appunto, regolarmente e rapidamente superata. Questo è proprio il modo per generare disoccupati e per giunta con un’istruzione generale assai limitata e quindi di difficoltosa riconversione, producendo così folle di disadattati dalla personalità compressa e distorta, altro che felici occupati. Ognuno deve avere il diritto di seguire le proprie inclinazioni e di sviluppare i propri talenti nel modo più libero possibile, e un sistema d'istruzione responsabile deve favorire questa crescita individuale perché solo in tal modo si avranno persone più complete e felici e la qualità della società se ne avvantaggerà.  D'altronde è notorio che i rappresentanti dei poteri economico-finanziari sono per lo più dei rozzi il cui potere è stato o ereditato o rubato e solo in pochi lo hanno ottenuto col lavoro e la competenza, ma sempre comunque favoriti dalla vasta area di casualità che domina le nostre vite. Basta osservare come i più utilizzano gli enormi profitti che fanno: in attività frivole e in sordidi vizi, altro che lavorare! Nulla essenzialmente è cambiato sotto il sole dai tempi dei monarchi assoluti e della loro parassitaria corte di nobili e aristocratici per diritto divino o di nascita.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Angelo Ricotta, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Miseria d’élite (Pubblicato il 03/07/2018 18:09:20 - visite: 28) »

:: Il revisionismo lessicale (Pubblicato il 27/06/2018 21:19:59 - visite: 44) »

:: Guadagnarsi lo stipendio (Pubblicato il 06/06/2018 17:59:37 - visite: 67) »

:: Previsione avveratasi, purtroppo (Pubblicato il 28/05/2018 10:36:45 - visite: 121) »

:: Drogare il mondo (Pubblicato il 10/03/2018 11:39:25 - visite: 229) »

:: Il partito più importante (Pubblicato il 08/03/2018 07:31:40 - visite: 111) »

:: Subumani (Pubblicato il 01/03/2018 11:50:27 - visite: 157) »

:: I ragazzi del ’99 (Pubblicato il 01/03/2018 11:46:03 - visite: 89) »

:: Da che pulpito vien la predica? (Pubblicato il 27/02/2018 09:53:30 - visite: 126) »

:: Casa Pound (Pubblicato il 22/02/2018 19:51:41 - visite: 122) »