Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2018: CHERCHEZ LA FEMME
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 40 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 21 20:09:06 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Meteorologia sociologica

di Angelo Ricotta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2018 10:48:37

Un meteorologo di una trasmissione televisiva ha spiegato oggi l'Effetto Ponzo che è quell'effetto ottico per cui le dimensioni di oggetti uguali appaiono diverse a seconda del contesto in cui sono immersi. Le sue allusioni però si spingevano al di là dell'effetto visivo volendo intendere che anche nella vita tendiamo a valutare in modo differente problemi che in realtà hanno lo stesso peso. Secondo me l'analogia non regge. La vita è una realtà ben più complessa di un effetto visivo per cui due problemi che isolati dal contesto hanno lo stesso peso immersi invece in contesti di peso diverso acquistano anch'essi pesi diversi. È quello che in matematica si chiamerebbe fenomeno non-lineare. Un semplice esempio. Se ho un debito di 1000 euro con qualcuno e nessun altro problema o comunque altri problemi di modesta entità non è la stessa cosa che se insieme a questo ho anche altri problemi gravi come, ad esempio, una malattia, dissidi familiari, magari sono disoccupato e chi più ne ha più ne metta. Nel primo caso non avrei troppe difficoltà a pagare il debito mentre nel secondo la situazione potrebbe risolversi in tragedia. Attenti perciò alle facili ma fallaci analogie.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Angelo Ricotta, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Su scuola e lavoro (Pubblicato il 20/08/2018 18:24:38 - visite: 10) »

:: Imprenditori e Decreto Dignità (Pubblicato il 29/07/2018 07:02:02 - visite: 28) »

:: Il mio ’68 (Pubblicato il 23/07/2018 10:29:01 - visite: 48) »

:: Falsità sul lavoro (Pubblicato il 07/07/2018 20:25:59 - visite: 53) »

:: Miseria d’élite (Pubblicato il 03/07/2018 18:09:20 - visite: 69) »

:: Il revisionismo lessicale (Pubblicato il 27/06/2018 21:19:59 - visite: 83) »

:: Guadagnarsi lo stipendio (Pubblicato il 06/06/2018 17:59:37 - visite: 81) »

:: Previsione avveratasi, purtroppo (Pubblicato il 28/05/2018 10:36:45 - visite: 141) »

:: Drogare il mondo (Pubblicato il 10/03/2018 11:39:25 - visite: 241) »

:: Il partito più importante (Pubblicato il 08/03/2018 07:31:40 - visite: 128) »