Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 155 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 17 08:53:14 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il testo smarrito

di Giulia Bellucci
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/01/2018 08:26:36

Luigi Rizzo era un signore di cinquant'anni addetto alla biblioteca del liceo classico Alessandro Manzoni a Milano. Vi lavorava fin dal lontano 1990. Svolgeva il suo lavoro con diligenza encomiabile. Eppure un giorno una dimenticanza, una fatale svista perché un telefono aveva squillato nel momento sbagliato ed ecco...

Il preside del Liceo, Matteo De Parolis, onorabile professore di Letteratura italiana, lo aveva richiamato severamente. Come aveva potuto smarrire una delle rare copie originali de I Promessi Sposi, risalente al 1840 che era stata donata al Liceo da un suo prozio dopo la Prima Guerra.

Il povero Luigi ricordava che il prof. Roberti, anch'egli insegnante di Letteratura allo stesso Istituto, aveva preso in prestito il testo per mostrarlo alla sua classe ma poi lo aveva restituito nella stessa giornata. Mentre lo stava rimettendo nella giusta collocazione, aveva squillato il telefono, poi buio totale… Adesso rischiava la denuncia.

Nell’attesa di un chiarimento, continuava a svolgere con regolarità il suo lavoro. Un giorno mentre riponeva un testo sentì tremare lo scaffale. Restò immobile ma quello tremo' ancora più forte tant'è che alcuni libri scivolarono ed uno lo colpì con violenza. Luigi ruzzolo' a terra battendo la testa. La nube di polvere che si alzò gli causò un attacco d'asma improvviso.

In mezzo a tale nube gli apparvero due tali armati di coltello, baffi arcuati e cappelli, che egli identificò con i tal bravi che minacciarono don Abbondio. Uno di essi gli mostrava il testo smarrito mentre l’altro gli puntava il pugnale al collo:

"Un tale errore non s’ha da fare. Ci manda il nostro creatore: Alessandro Manzoni, ha presente? Dobbiamo solo ricordarle che questo testo è sacro e non va mai confuso con romanzetti d’appendice. Non si deve perdere di vista un istante. Esso è il Caposaldo della Letteratura Italiana e va trattato col rispetto che si merita. Lo ricordi sempre altrimenti ci rivedremo”.

L’altro, rimasto in silenzio, ripose il testo nella giusta collocazione e poi svanirono così come erano apparsi.

Poi tutto si oscurò. Luigi si risvegliò sdraiato su una barella d'Ospedale, ma tornò presto al proprio lavoro. Non raccontò mai a nessuno di quell'incontro, anche perché egli stesso non riusciva a comprendere cosa fosse successo realmente. Sembrava tutto così nitido nella sua mente: i brividi, la paura, l’immagine dei due, le loro parole: tutto insomma. Ma come poteva essere realtà? Comunque il testo era tornato al suo posto ed egli teneva sempre d’occhio la sua posizione. Ogni qualvolta qualcuno lo chiedeva in prestito, si faceva sempre consegnare i documenti e alla restituzione lo riponeva gelosamente senza perderlo di vista un solo istante.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giulia Bellucci, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un altro pianeta (Pubblicato il 10/03/2019 21:58:39 - visite: 54) »

:: Una strana notte di Natale (Pubblicato il 25/12/2018 21:07:47 - visite: 112) »

:: Iustitia et Bonitatem (Pubblicato il 11/01/2018 09:24:16 - visite: 168) »

:: Un faro nel tunnel (Pubblicato il 10/01/2018 09:03:22 - visite: 161) »

:: L’Aquilone (Pubblicato il 02/01/2018 13:25:17 - visite: 149) »

:: La lampadina spenta (Pubblicato il 12/12/2017 16:45:19 - visite: 260) »

:: L’abbraccio dei due ulivi (Pubblicato il 19/09/2017 18:19:11 - visite: 297) »

:: Storia di ordinaria incoerenza (Pubblicato il 15/09/2017 12:56:55 - visite: 180) »

:: Le antilopi e l’illusorio senso del possesso (Pubblicato il 30/07/2017 08:04:59 - visite: 205) »

:: Fuga da Recanati (Pubblicato il 20/06/2017 12:30:14 - visite: 400) »