Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 51 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Feb 24 21:59:09 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

uomo in mare

di Alessandro Martino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/02/2018 15:05:53

Tutti nasciamo eroi, filosofi, artisti, scienziati

tutti le stesse medesime potenzialità

e pure in me non ne ho viste, ma adesso

da questa malattia dell’esser sani vedo

che sono stato solo pronto ad ammalarmi

ad acquisire comodità risparmiando le forze

per poi non farmene un bel niente.

 

Dell’amore ne ho fatto un foglio, poi un figlio

poi un regalo, infine un debito e comunque

mai nulla che abbia assomigliato più di esso

ad un adempimento a più livelli, e qui, da questa modernità

di fare del proprio corpo qualcosa di diverso

dell’uso moderato di una risorsa preziosa, adesso

é come l’unica bottiglia d’acqua mi sia stata mai concessa

già bevuta che nessuno me lo aveva detto

ma io non ho ascoltato.

 

Tutti nasciamo eroi, filosofi, artisti, scienziati

e non ho mai cambiato niente, o avuto voglia

di capire nessuna diversità oltre la mia

che di diverso ho avuto un nome, che non sentivo

quando hanno chiamato un altro al posto mio

che adesso non sento, proprio ora che avrei risposto

proprio ora che sono pronto a dare un fine

a tutto un mio milione di promesse.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Martino, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: una vita da concierge (Pubblicato il 05/01/2018 17:40:34 - visite: 81) »

:: sempronio.com (Pubblicato il 08/10/2017 22:21:03 - visite: 134) »

:: Oleografia (Pubblicato il 15/04/2016 22:30:54 - visite: 413) »

:: il nodo (Pubblicato il 26/03/2016 22:37:23 - visite: 442) »

:: celeste (Pubblicato il 25/03/2016 21:18:04 - visite: 397) »

:: consumi (Pubblicato il 25/03/2016 21:02:03 - visite: 143) »

:: dolo (Pubblicato il 19/03/2016 22:29:20 - visite: 233) »

:: rare volte, solo per noia (Pubblicato il 19/03/2016 22:22:10 - visite: 349) »

:: Marinella (Pubblicato il 07/03/2016 22:32:55 - visite: 203) »

:: La vendetta di Sara (Pubblicato il 07/03/2016 22:16:47 - visite: 130) »