Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1267 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 4 20:14:28 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Atto III _ Scena V

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/11/2009 02:45:14

Atto III _ Scena V

(Il palco è soffuso di una tenue luce gialla, come quella dei lampioni romani aboliti dal Sindaco: solo soffusi, umidi, bagliori squarciano il buio della scena. Le tavole sono coperte di foglie cadute di platano. In alto, un grande telo avorio fa da cielo, descrivendo un arco concavo verso il basso, come se sostenesse il peso di acqua piovana.
La donna, capelli quasi color prugna, sfilzati in ciocche corte e lunghe, è vestita di una tunica bianca. Il tessuto cade come un peplo ma gli orli non sono battuti e la cimosa sfilaccia in qualche piega.
È scalza, non ha monili se non un anello argentato con l’effige di un gatto, che avvolge il medio della mano destra).
SiLENZio.
(La prima donna entra dalla quinta sinistra e si lascia cadere sfinita sul letto di rossiccio fogliame).
“Qualcuno le ha viste?”
(Fruga disperata fra le foglie).
“Non le trovo, non riesco a trovarle. Oddio, qualcuno mi aiuti!”
(La voce si fa acuta e la donna protende il volto verso la prima balconata. Una luce bianca le illumina il viso. È cereo ma non è pallore: non ha labbra. La voce esce da un bianco taglio, quasi indistinguibile in tutto quel candore. Tende le braccia verso il vuoto).
“ Signore, dico a lei: le ha, forse, trovate? E lei, signora, così bella, così elegante, forse colui che le ha rubate gliene ha fatto dono?”
(Girandosi di scatto verso la prima fila in platea).
“Forse lei, signorina. Lei così giovane, così perfetta, porta orecchini rosso melograno. Ne ha, forse, fatto monili per lei?”
(Il pubblico è muto, stordito, quasi agghiacciato. La voce dell’attrice, da stridula, diviene roca, cupa).
“Dove siete, maledette, dove vi ha sepolte?”
(Si getta fra le fronde morte, tagliandosi le mani con le lamine, rotolandosi nel fogliame, guaendo, piangendo. Si accuccia, come una bimba atterrita e abbraccia le ginocchia, dondolandosi).
“Le mie labbra, le mie belle labbra: rendimele, bastardo. Sono mie. Quando la promessa è infranta i doni si restituiscono, si restituiscono, si restituiscono.”
(Singhiozzi e singulti sommessi le scuotono le membra, poi, con furia inaudita, danzando e schiantando, si accanisce, di nuovo, sul purpureo tappeto).
“Lo so che siete qui, qui dove tutto scomparve, inghiottito dai giorni. Ma, ecco, vedo qualcosa. Sì, le vedo, le vedo.”
(Pausa)
“Oh, una dalia, una dalia color sangue, ancora fresca, con turgidi petali.”
(Si leva in piedi, diritta e a tutti mostra, come ostia sull’altare, il gravido fiore. Lo spezza e, con estenuante lentezza, applica le due metà proprio sopra il mento).
Poi, esibisce, novello Arcimboldo, la bocca ricostruita, il dono reso, il volto deturpato eppure perfetto nell’ottico effetto. Si tocca ripetutamente le corolle, lasciando che alcuni petali cadano, a confondersi con le foglie secche).
(Il telo si squarcia e lascia cadere la pioggia).
“Grazie, grazie signori che qui mi avete condotta. Sono salva. Sono salva”.
(Si volta e con la schiena diritta ed il viso rivolto al cielo che la inonda, esce, scomparendo alla vista di tutti).
(BUIO in sala).
Per trenta secondi non si ode un sospiro. Poi, esplode l’applauso. Il pubblico è in piedi e batte le mani, fino a spellarsi i palmi delle mani. Non grida, non fischia, non invoca il bis. Rimane lì, in piedi e il plauso diviene una ritmica ovazione che si mescola al gorgogliare dell’acqua che viene inghiottita dalla buca del suggeritore.
Una spettatrice, arrossata in volto e con gli occhi lucidi, si rivolge alla donna, che accanto a lei, è rimasta seduta.
“Un capolavoro, incredibile. Un vero capolavoro!”
L’altra, fruga nella borsetta, poi porta una mano alla bocca, quasi a coprire un colpo di tosse.
Una dalia risponde, sorridendo:
“Grazie: sono l’autrice”.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Musik, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: 8 dicembre del ‘65 (Pubblicato il 08/12/2018 11:16:35 - visite: 239) »

:: 25, Morta che parla (Pubblicato il 25/11/2017 19:39:29 - visite: 488) »

:: #Svegliatitalia (Pubblicato il 23/01/2016 11:52:02 - visite: 876) »

:: Natale in casa Proietti (Pubblicato il 13/12/2015 14:15:13 - visite: 501) »

:: Un amore così grande (Pubblicato il 20/06/2015 02:19:27 - visite: 1081) »

:: Postribolo inverso (Pubblicato il 17/01/2015 15:20:08 - visite: 819) »

:: Il prete. (Pubblicato il 16/11/2014 10:52:32 - visite: 859) »

:: Pasquinata di Natale a Pasquetta (Pubblicato il 21/04/2014 21:43:03 - visite: 1023) »

:: Protomoteca. Effetto notte. (Pubblicato il 06/04/2014 13:46:39 - visite: 951) »

:: y (Pubblicato il 13/03/2014 20:50:19 - visite: 889) »