Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 322 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 16:51:34 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il nome della resa

di Adriano Cataldo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/08/2018 16:39:31

Maschio Bianco Italiano

Radici giudaico-cristiane

Ogni giorno, un residente si sveglia

E sa che dovrà
Odiare più forte

Sognare più forte

Votare più forte.

 

Il residente è sintassi d’interessi

Sogna un cancello, che in principio era verbo.

Sogna una marcia, che in ultimo è aggettivo.

Il residente è complemento oggetto, soggetto al suo vuoto, soggetto al suo voto.

Sogna il residente, che il vuoto fuori sia quello dentro

Il buon degrado, suo malgrado.

Il vuoto che vuole: diritto di suole.

La lingua italiana batte dove il perdente duole

Percuote ciò che vuole

E più non dimandare.

Sogna il tragitto perfetto

Verso la pattumiera, la raccolta dei rifiuti e dei rifiutati

Il palese pulito.

Difendere e dipendere

Sognare le distanze.

Una nazione che non sia alienazione, inazione.

Possiamo oggi dire al residente che la patria è perduta da anni

Che il nostro popolo è morto a Genova

Al residente ricordiamo di scegliersi bene la parte

Capire
Il limite tra cosa offende e cosa coraggio infonde

Il limite tra chi è più italiano tra i Marò e Giulio Regeni.

Scegliersi una sorte che possa dire compagna

Che la vita si sconta lottando.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adriano Cataldo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La prima foto di un buco nero (Pubblicato il 20/04/2019 09:50:26 - visite: 84) »

:: Bollettino elettorale (Pubblicato il 26/03/2019 19:08:00 - visite: 77) »

:: Il visibile ovunque (Pubblicato il 24/03/2019 16:22:48 - visite: 98) »

:: Crono o forse il conte Ugolino (Pubblicato il 22/03/2019 12:10:33 - visite: 85) »

:: Il governo del cambiamento (Pubblicato il 16/03/2019 16:51:54 - visite: 132) »

:: Per mia nipote (Pubblicato il 10/03/2019 13:11:29 - visite: 194) »

:: Il ministro della legittima difesa (Pubblicato il 07/03/2019 13:25:55 - visite: 120) »

:: Europa, l’arte della fuga (Pubblicato il 24/02/2019 16:07:35 - visite: 186) »

:: Il ritorno in Italia di Cesare Battisti e Antonio Megalizzi (Pubblicato il 15/01/2019 19:36:27 - visite: 143) »

:: Tecnologia della fuga (Pubblicato il 22/12/2018 15:39:19 - visite: 108) »