Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 157 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 18 20:10:21 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Una coperta #GiornoMemoria

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/01/2019 22:41:17

Ero felice per quella coperta.
Un soldato dell'armata rossa mi aveva regalato la sua.
Oltre il filo spinato i miei occhi scintillavano di gioia,
lacrime miste a sangue coprivano il mio volto.
Sentivo lieve un tepore sulla pelle,
una pelle che non conosceva più carezze,
che copriva solo uno scheletro vagante nel nulla.

 

L'umanità si stava risvegliando in me.
Guardavo il soldato con una riconoscenza immensa:
lui mi ha regalato un sorriso,
un sorriso e qualche scatoletta.

 

Dio era tornato tra i poveri,
tra gli umiliati,
tra gli oppressi.
Si era ricordato finalmente di noi,
di noi che eravamo ormai solo un numero,
un'entità senza nome.

 

Tristemente la scritta
“Il lavoro rende liberi”
ondeggiava nel buio della sera.

 

Salvatore Armando Santoro
(Boccheggiano 3.12.2012 – 13,54)

 

https://storage.gcloud.schema31.it/obj/5f8a69aa-a1f9-11e7-855f-0010186dd9ec


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Novembre 2018 (Pubblicato il 21/04/2019 01:14:43 - visite: 7) »

:: Pian del Giuliano (Pubblicato il 21/04/2019 00:53:19 - visite: 6) »

:: Il silenzio della mente (Pubblicato il 19/04/2019 00:20:15 - visite: 12) »

:: Il non ricordo (Pubblicato il 18/04/2019 23:22:49 - visite: 7) »

:: Cercava l’amore (Pubblicato il 17/04/2019 23:33:53 - visite: 6) »

:: Le Centopietre di Patù (Pubblicato il 17/04/2019 18:51:17 - visite: 8) »

:: T’aspetterò a Ristola sul mare (Pubblicato il 16/04/2019 10:56:10 - visite: 22) »

:: Tra i muretti di San Gregorio (Pubblicato il 16/04/2019 02:14:48 - visite: 11) »

:: Ulisse (Pubblicato il 13/04/2019 15:59:04 - visite: 22) »

:: Kalè Polis (Città Bella) - Gallipoli (Pubblicato il 13/04/2019 03:13:18 - visite: 16) »