Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1247 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jan 15 22:06:30 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La parte dell’annegato

Poesia

Laura Accerboni
Edizioni nottetempo

Recensione di Marco Furia
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/01/2016 12:00:00

 

Non tutto è perduto

 

Con “La parte dell’annegato”, Laura Accerboni presenta una ritmata raccolta in cui la sempre più problematica quotidianità viene illuminata da immagini davvero inattese.

“Questo a un pesce

non si dovrebbe fare:

costringerlo

a nuotare tra le vene

e obbligarlo a imparare

la geografia polmonare

di altre specie”

dice la poetessa, mostrando, con articolata messinscena, una sorta di sorprendente rispetto per il dato biologico.

Un rispetto stravolto, eppure presente: forse, ormai, l’attenzione per l’altrui vita (e per la propria) può manifestarsi soltanto in tal modo?

Forse siamo giunti a un punto di non ritorno?

Questo quesito attraversa tutta la silloge senza trovare risposta sul piano del mero linguaggio: né può trovarla, perché l’evidente dato di fatto mostra l’urgente necessità dell’azione responsabile.

Se tutto fosse davvero perduto non varrebbe nemmeno la pena di parlare o scrivere: tuttavia è ben chiaro che la parola comune non basta più.

C’è un vivido senso dell’urgenza nelle immagini proposte.

A pronunce in cui ogni speranza sembra annullarsi (si vedano, ad esempio, i versi

“mentre lasciavo niente

e me lo riprendevo

ad ogni istante”),

si alternano, senza contrapposizione, originali sequenze poetiche in cui il contatto con il mondo riesce ad aprirsi su aspetti inediti:

“non so come

si saluti

una pietra”.

Chi si pone il problema di salutare “una pietra” può pensare di trovarsi in prossimità della fine?

O, forse, può ritenere che a simile prossimità ci si possa opporre soltanto coll’abitare i territori dell’assurdo?

Assurdo non privo, in questo caso, d’interesse per una comunicazione affettiva che, alla fine, ci può ancora salvare.

“Il sorriso nuovo

lo metto solo

quando esco”

scrive la poetessa, ma ciò non vuole dire che il sorriso vecchio abbia esaurito la sua benefica efficacia e che, perciò, non si possa unire al “nuovo” secondo un’inedita fisionomia ulteriore.

Certo

“una casa distrutta

è solo una casa distrutta”,

nondimeno, come sembra indicare quel “solo”, è possibile ricostruirla.

D’altronde

“Tarzan sul materassino”

che

“ha spasmi d’annegato”

non potrà essere soccorso? Non potrà essere restituito alla sua avventurosa esistenza nella giungla selvaggia ma anche protettiva?

E noi, a nostra volta, non potremo ricominciare a vivere in maniera migliore?

Il monito di Laura (perché di questo si tratta) è preciso, composto, succinto: soltanto un alacre e consapevole equilibrio sarà in grado di salvarci.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »