Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 108 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 19 09:57:51 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

che me ne faccio della poesia

Argomento: Letteratura

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/08/2019 17:52:21

CHE ME NE FACCIO DELLA POESIA

Quando mi capita di parlare di poesia, mi viene in mente il vecchio calzolaio del mio quartiere, che mentre riparava le scarpe recitava, a me adolescente, brani interi  della Divina Commedia;oppure, bambino, l’immagine della folla silenziosa attorno al cantastorie, l’applauso e le poche lire che molti, pur nelle ristrettezze del dopoguerra, mettevano nel suo cappello; o anche, ai nostri giorni, i milioni di telespettatori incantati ad ascoltare lo straordinario Benigni che recita la non facile “Preghiera alla Vergine”, l’ultimo canto del Paradiso, gli ultimi versi della Divina Commedia.

Allora, mi dico, non è vero che la poesia, quella scritta in versi, è estranea al comune sentire delle persone.

Ma, allora, perché non riesce a trovare posto nella nostra memoria, perché così rara nelle nostre frequentazioni culturali?

Perché leggiamo quasi esclusivamente opere di narrativa, spesso, bisogna dirlo, anche molto scadente?

La risposta, si capisce, non è facile: la poesia, come ben sapevano greci e latini, è nata per la recitazione, probabilmente necessita di spazi, occasioni, tempi, più adeguati al nostro sistema di vita, e forse anche di contenuti stile e linguaggio che non siano espressione di un chiuso individualismo fine a se stesso.

Sicuramente, questo lo possiamo dire, la poesia è la forma d’arte meno adatta alla attuale civiltà della dissipazione, per un motivo molto semplice, ma fondamentale:essa ha bisogno di particolare attenzione, cioè di silenzio, di concentrazione, di attiva partecipazione.

Non consente distrazione:trascurare anche una sola parola compromette il senso complessivo del discorso, come su un quadro una macchia che sfigura il paesaggio.

Insomma, la poesia, per tanti motivi, è l’ “oggetto” che meno si presta al consumo, non fa “divertire”, non si vende,  non dà profitti(rari gli editori che investono qualcosa nelle opere di poesia), non “spiattella i fatti” già belli pronti e confezionati, non si presta alla propaganda…insomma, a che serve?a chi può interessare?

Non “serve” a niente, e questo è il suo limite, ma può interessare tutti, e questa è la sua inespugnabile forza, che spiega, tra l’altro, perché la poesia da sempre ha accompagnato le vicende umane.

Essa è un sogno, un’aspirazione, un desiderio che non trova le condizioni per realizzarsi;chiama in causa indirettamente la coscienza, ciò che nell’affanno del vivere quotidiano rimane inascoltato; si rivolge a quella parte del nostro essere che non si rassegna a quello che il furbo maneggione chiama, a giustificazione del suo cinismo, “ i dati della realtà”.

L’essenza della poesia consiste proprio in quel fenomeno misterioso che nel mentre che rappresenta la realtà così com’è, rimanda a immagini e pensieri del come dovrebbe essere.

Voglio citare due dei nostri più grandi poeti del Novecento, Montale e Zanzotto:

 

…il mondo/

così com’è immerso in un pattume/…

                                                         (C’è chi)

 

Mondo, sii, e buono;/

esisti buonamente,/

fa’ che, cerca di, tendi a, dimmi tutto/

…su, bravo, esisti,…/

Su, munchhausen.

                                                                    (Al mondo)

 

Implicitamente o esplicitamente ci dicono che il mondo nel quale viviamo ha qualcosa di insopportabile, di inaccettabile, ma nello stesso tempo ci fanno immaginare un mondo “pulito” e votato alla “benevolenza”, alla volontà di essere “bravo”, e capace di salvarsi dal “pattume”.

(Munchhausen è il leggendario barone che si salvò dalla palude tirandosi per i capelli).

La magia di questi versi, della poesia vera, è quella di suscitare, di contro al caos, un sentimento di armonia, una nostalgia del possibile bello e del possibile buono.

E’ un’allusiva esortazione a non accontentarci di quel che siamo, di come viviamo, un invito a trascendere le brutture nelle quali siamo immersi.

In questo senso la poesia è una tensione alla libertà, una forma di preghiera laica(la poesia nasce come invocazione agli dei) che tende a congiungere il naturale col soprannaturale, l’effimero con ciò che vi è di perenne nella condizione umana.

E di perenne vi è, ad es., una recondita memoria dell’innocenza perduta, del luogo paradisiaco, di cui Dante dice “qui fu innocente l’umana radice”.

Un’immagine, “un’ombra del beato regno”, possiamo ancora trovarla nell’incanto(se non violato) dell’infanzia e della fanciullezza.

Il Pascoli, come sappiamo, sosteneva che poeta è colui che riesce ad ascoltare la “voce del fanciullino” dentro di sé, colui, cioè, che sa guardare e sentire con gli occhi della meraviglia, lo stupore, il naturale candore dei bambini.

Quello che chiamiamo la Bellezza del Vangelo, ad es., la poesia di ogni forma sacra di scrittura, è l’allegoria della parola, i suoi molteplici significati che parlano agli “adulti” esortandoli a farsi “piccoli”.

C’ho messo anni a capire la profondità e lo splendore delle parole di Dostoevskji:<la Bellezza salverà il mondo>;o anche, per il contrario, le parole di Sthendal:<dove manca la Bellezza, lì è in agguato il delitto>.

La Bellezza, ci vogliono dire, non è un imbellettamento, ma un fondamento, una forma costitutiva, senza la quale la vita intristisce, dilaga l’imbarbarimento, “il pattume” abbrutisce i comportamenti.

Se non nell’arte, sempre andiamo cercando attorno a noi qualcosa che ci appaia bello: dal paesaggio, all’armonioso profilo di una città, dalla magnificenza di un monumento, al fascino di un bel corpo, fino all’ordine e alla pulizia dell’ambiente in cui viviamo.

La poesia è un soliloquio/dialogo con la Bellezza, un punto di resistenza, un argine alla sconcezza che tenta di sommergerci.

Se io fossi nelle grazie del Ministro dell’Educazione(stavo per dire della Pubblica Istruzione), visti la tristezza  e il nonsenso della Scuola italiana, oserei chiederLe:perché non istituire dei corsi di formazione alla Bellezza  (non “beauty farm”, si capisce), dove insegnare solo poesia, in modo da far crescere i nostri giovani nel gusto del bello tanto bello da provare disgusto  di ciò che li attornia?

Noi intanto, mi rivolgo a quei lettori d’accordo con me, ritagliamoci un piccolo spazio in cui fare entrare di tanto in tanto la lettura (e, ove possibile, la memoria)di una bella poesia, essa ci appartiene, non trascuriamola.

Non sempre, ma, è vero, capita che una parola può cambiare il destino di

un uomo.

Dice il mio amico poeta Nicola Amoruso da Nicosia, al centro della Sicilia:

<Scrivo poesia per provocare poesia>.

 

NICOLA LO BIANCO


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Nicola Lo Bianco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] elogio del lavoro (Pubblicato il 11/07/2018 11:00:16 - visite: 180) »

:: [ Società ] Terrore e Terrorismo (Pubblicato il 05/07/2015 12:39:19 - visite: 842) »

:: [ Società ] Il ’vizio’ assurdo della guerra (Pubblicato il 03/03/2014 17:42:19 - visite: 1144) »

:: [ Letteratura ] Hannah Arendt (Pubblicato il 27/01/2014 13:35:45 - visite: 1027) »

:: [ Teatro ] Franco Scaldati (Pubblicato il 03/06/2013 09:45:12 - visite: 1421) »

:: [ Società ] elogio dei docenti (Pubblicato il 30/11/2012 19:29:15 - visite: 1379) »

:: [ Politica ] Libertà e Arbitrio (Pubblicato il 11/04/2012 12:29:01 - visite: 878) »

:: [ Letteratura ] leggere proust (Pubblicato il 11/07/2011 09:07:25 - visite: 1319) »

:: [ Ecologia ] L’UMANITA’ DELL’ACQUA (Pubblicato il 20/05/2011 12:17:09 - visite: 1074) »

:: [ Letteratura ] a che serve la poesia? (Pubblicato il 03/02/2011 09:37:48 - visite: 1235) »