Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1455 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 8 14:12:58 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

elogio dei docenti

Argomento: Società

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2012 19:29:15

 

ELOGIO DEI DOCENTI

 

Oggi succede che la parte migliore del paese, quella che svolge duramente e onestamente la sua vita, che lavora propriamente per sopravvivere, che deve arrangiarsi per non soccombere, è la parte in ogni senso più maltrattata:trascurati, derisi, sottopagati, precari, sotto minaccia di licenziamento:non più soggetti di diritto, sono praticamente i paria del “sistema”.

A questa parte, per un verso o per l’altro, appartengono anche i docenti(insegnanti, professori, ricercatori universitari,ecc.)più o meno giovani, soprattutto quelli che si sono dedicati all’insegnamento a partire dagli anni ’90.

Della loro dedizione, della loro primaria funzione sociale vorrei dire qualcosa, visto il totale disinteresse per il loro lavoro(l’interesse è quasi sempre sotto specie di denigrazione), e visto che del mondo della scuola per tanti anni ho fatto parte.

Ricomincia un nuovo anno scolastico, ma con apprensione tra i docenti, e sconforto, non più, io immagino, con il sereno entusiamo di riprendere il rapporto affettivo/educativo con gli alunni.

Se è così, davvero viviamo un tempo in cui è necessario ripensare ai fondamenti del nostro essere, di ciò che ci sembra scontato, ma non lo è affatto, visto lo svuotamento di significato, il capovolgimento di senso che ci confonde e intimorisce.

E perciò, chi è il docente?Che cosa è propriamente la scuola?

Non certo quella attuale, ridotta all’osso, stoltamente travestita da azienda privata, deviata dagli scopi suoi propri:un ingombro, per i vari governi, una palla al piede, buona tutt’alpiù per le annuali scorribande finanziarie e burocratiche dette “riforme”.

E così, per i più, si è persa la nozione di Scuola, la sua importanza, la funzione strategica che essa assume nell’ambito della storia e dell’identità di un popolo.

La scuola non è, com’è nell’intendimento dei vari “riformatori”, un centro di accoglienza e di intrattenimento dei giovani, dove mandare i figli a far valere le loro pretese di “utenti”, non è un supermercato dove scegliere secondo convenienza personale.

La scuola è luogo prescelto per far crescere buoni cittadini, non arruffoni, tanti diritti e niente doveri, gettati lì a mucchio per lasciargli prendere il “pezzo di carta” come che sia.

Trascurare un organismo così delicato, renderlo marginale, se non inutile, sotto il profilo della formazione culturale e umana, è di una gravità assoluta, soprattutto in una società dove regole e morale sono assenti, o sono relative e personali.

In questo contesto, entro questa struttura asfittica e stremata, operano i docenti:oppressi da adempimenti cartacei inutili e dispersivi, messi in sospetto di genitori e alunni, “sorvegliati speciali” dei dirigenti scolastici(ex presidi), privati in gran parte degli strumenti idonei agli scopi educativi, essi sono ritenuti, ingiustamente, gli unici responsabili dell’ andamento scolastico.

Purtuttavia, il fatto importante è che la gran parte dei docenti non ha ceduto e non intende abdicare al ruolo che gli detta il loro percorso di educatori.

A cominciare da un principio morale che non può non animare il loro lavoro, la consapevolezza, cioè, di trovarsi di fronte a delle “persone”, a giovani in crescita affidati alla loro onestà intellettuale  ed alla loro sensibilità.

Alla loro “ingenuità” anche, quella di chi si dedica senza aspettarsi alcuna ricompensa particolare, alcun riconoscimento, se non la fiducia e la benevolenza dei propri alunni.

Un lavoro paziente, snervante, di quotidiana sollecitudine e avvedutezza, oltre che di scelte didattiche spesso problematiche.

Si capisce che non tutti i docenti sono allo stesso livello, mai lo è stato e mai lo sarà, si capisce che anch’essi sono soggetti all’errore, ma tutti mediamente compiono il loro lavoro di insegnanti doverosamente.

E questo è grande titolo di merito, se si tiene conto che il “meccanismo” è congegnato in modo tale da disamorare, indignare, sdegnare.

Oltre l’umiliazione di dover piatìre ogni anno il posto di lavoro, perché sei in “mobilità”, cioè nella lista dei “perdenti posto”, nella scuola è entrata con tutta la sua forza disgregatrice la precarietà e con essa l’emigrazione dal Sud al Nord per avere anche solo una supplenza annuale o per uscire finalmente dall’incertezza lavorativa dopo decenni di insegnamento.

Con tutte le conseguenze dell’essere precario: cambiare o spostarsi di anno in anno da una città all’altra, da una scuola all’altra, interrompendo il rapporto con gli alunni, abbandonando il lavoro fatto per ricominciare daccapo, con ulteriore grave danno per gli studenti, anch’essi disorientati e disaffezionati, sensibili a una scuola  incerta e traballante.

E poi, il lavoro dei docenti non finisce con la fine delle lezioni, com’è opinione comune indettata dai media:per non dire d’altro, il docente ripensa al rapporto con gli alunni, cerca soluzioni di fronte a situazioni e a studenti difficili, ma in un contesto, quanto meno, non solidale, pronto piuttosto a dire che “non sa fare il suo lavoro”.

A ben riflettere, se la scuola pubblica risponde ancora, per quanto possibile, al suo ruolo, se si regge anche solo su una gamba, io credo che lo si debba all’abnegazione dei docenti italiani, i quali operano cercando di arginare il disastro programmato e perseguito, e all’intelligenza di quei presidi che non si piegano a far la parte di semplici esecutori burocrati vigilanti.

Un tempo si ironizzava, e il sottoscritto era tra questi, sulla “missione dei professori”:oggi, volenti o nolenti, questa è una verità di fatto, almeno per quelli che scelgono di insegnare in queste condizioni.

Con tutto ciò, c’è ancora chi ripete a pappagallo che <la sconfitta di uno scolaro[bocciatura, assenteismo, refrattarietà]è la sconfitta del docente>:è la logica di chi ha voluto l’asservimento dei docenti, la logica degli ispettori scolastici mandati dal Ministero negli anni dello scardinamento della Scuola, la logica che ha sollevato lo studente da ogni e qualsiasi responsabilità di studio e di comportamento.

Una logica in perfetta coerenza con il ricatto morale e il falso ideologico e didattico perpetrati da governi ed “esperti” consociati a partire dai primi anni ’90.

La sconfitta, grande, dolorosa, di cui ancora non si colgono tutte le rovinose conseguenze, è quella della Scuola pubblica italiana e del paese.

Dice un antico proverbio cinese:<per fare un uomo ci vuole un intero villaggio>, cioè ci vuole benigna volontà politica, società civile, riconoscimento, denaro, strutture, diffusa cultura educativa, apparati di sostegno, ecc. ecc.

Scaricare la “sconfitta” sui docenti è una chiacchiera facile e un’idea sospetta, l’idea cioè di chi chiude gli occhi di fronte alla realtà, perchè non vuole una seria rifondazione della scuola.

NICOLA LO BIANCO

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Nicola Lo Bianco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] che me ne faccio della poesia (Pubblicato il 16/08/2019 17:52:21 - visite: 164) »

:: [ Società ] elogio del lavoro (Pubblicato il 11/07/2018 11:00:16 - visite: 235) »

:: [ Società ] Terrore e Terrorismo (Pubblicato il 05/07/2015 12:39:19 - visite: 886) »

:: [ Società ] Il ’vizio’ assurdo della guerra (Pubblicato il 03/03/2014 17:42:19 - visite: 1206) »

:: [ Letteratura ] Hannah Arendt (Pubblicato il 27/01/2014 13:35:45 - visite: 1067) »

:: [ Teatro ] Franco Scaldati (Pubblicato il 03/06/2013 09:45:12 - visite: 1507) »

:: [ Politica ] Libertà e Arbitrio (Pubblicato il 11/04/2012 12:29:01 - visite: 915) »

:: [ Letteratura ] leggere proust (Pubblicato il 11/07/2011 09:07:25 - visite: 1362) »

:: [ Ecologia ] L’UMANITA’ DELL’ACQUA (Pubblicato il 20/05/2011 12:17:09 - visite: 1111) »

:: [ Letteratura ] a che serve la poesia? (Pubblicato il 03/02/2011 09:37:48 - visite: 1274) »