Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1506 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 4 23:37:53 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Franco Scaldati

Argomento: Teatro

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/06/2013 09:45:12

E' morto, ed io piango, il drammaturgo poeta Franco Scaldati.
Muore un pezzo della mia vita , un pezzo della nostra città, la parte più nobile e bella.
Una parte non solo di Palermo, ma dell'Italia che si riconosce nella poesia degli esclusi..
 
IL TEATRO DI FRANCO SCALDATI

 

 

Franco Scaldati fa rivivere l’espressione più antica e spontanea del teatro.

Parliamo di un certo tipo di teatro, quello per intenderci senza trine e merletti, immediatamente recepibile, che eredita, nella sua capacità di aprire un dialogo con un pubblico non omogeneo, la funzione degli antichi cantastorie in piazza.Un teatro, che, nella sua esigenza di ricostruzione della realtà, ha origini e forme profondamente popolari.

I testi, le messinscene, gli spettacoli che da alcuni anni produce “La compagnia del sarto” diretta da Franco Scaldati, approda, a nostro avviso, a questi risultati.

Chi è Franco Scaldati?

Fino a qualche tempo fa di mestiere faceva il sarto, u custureri, dice lui.

Io non so se u custureri sia un mestiere “teatrale”, fatto sta che l’opera di Scaldati ha il ritmo, la fantasia, l’artigianalità, di colui che cuce dietro una persiana con un occhio dentro e uno fuori.E fuori c’è il vicolo, u chianu, l’abbanniu, il lustrascarpe, u robivercchi, lo storpio, il gobbo, tutti i personaggi di una umanità dimenticata, diseredata e struggente, sempre colta nella schiettezza del suo dire e del suo fare, nei suoi momenti ora di tenerezza ora di violenza.

Una umanità da contemplare.

Una contemplazione non come nostalgia del passato, ma come possibilità di recuperare una fanciullezza di cuore e di mente su cui ricostruire la nostra vita falsificata e resa intollerabile da un sistema disumano e alienante.

Questo il teatro di Scaldati non ce lo dice.Ma a questo ci rimanda il confronto con il nostro vivere quiotidiano.

Ed ecco -l’abbanniu-, questa nenia d’antico muezìn arabo, l’ -acchiana u patri cu tutti i so’ figghi-, il gioco che da bambini facevamo nei quartieri, -u cuntu da manu virdi-, la favola di -cu cerca u paisi unni un si mori mai-, la –fuitina-, la presenza quasi sempre di un personaggio che non si sa bene cosa sia: se un angelo, un folletto, u spirdu.

Una presenza significativa che richiama il sogno che ciascuno di noi si porta dentro.Ma il sogno non si può rappresentare nella sua interezza e profondità, ed allora si spezza e si trasferisce nei vari personaggi come cuntu, memoria, dersiderio, emozione rivissuta.

Sta qui, a nostro avviso, il fascino de teatro di questo drammaturgo poeta:nel rifiuto di una realtà soffocante e mistificata, per recuperare il sogno:che non è fantasticheria,  è semplicemente il recupero di un’altra realtà che sta alle radici della nostra esistenza, pulita, trasparente.Una realtà popolare continuamente aggredita e offesa, a partire dalla quale possiamo immaginare e costruire riscatto e liberazione.

A questo punto il linguaggio, la gestualità, il movimento, il suono della chitarra e del violino, si fanno poesia evocativa, richiamano stati d’animo ed emozioni dimenticati, invitano a ripercorrere sensazioni e pensieri che al fondo sono di tutti.Perchè è quel che vorremmo essere e non siamo, o è quel che vorremmo avere e non abbiamo.

NICOLA LO BIANCO

 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Nicola Lo Bianco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] che me ne faccio della poesia (Pubblicato il 16/08/2019 17:52:21 - visite: 164) »

:: [ Società ] elogio del lavoro (Pubblicato il 11/07/2018 11:00:16 - visite: 235) »

:: [ Società ] Terrore e Terrorismo (Pubblicato il 05/07/2015 12:39:19 - visite: 886) »

:: [ Società ] Il ’vizio’ assurdo della guerra (Pubblicato il 03/03/2014 17:42:19 - visite: 1206) »

:: [ Letteratura ] Hannah Arendt (Pubblicato il 27/01/2014 13:35:45 - visite: 1067) »

:: [ Società ] elogio dei docenti (Pubblicato il 30/11/2012 19:29:15 - visite: 1454) »

:: [ Politica ] Libertà e Arbitrio (Pubblicato il 11/04/2012 12:29:01 - visite: 915) »

:: [ Letteratura ] leggere proust (Pubblicato il 11/07/2011 09:07:25 - visite: 1362) »

:: [ Ecologia ] L’UMANITA’ DELL’ACQUA (Pubblicato il 20/05/2011 12:17:09 - visite: 1111) »

:: [ Letteratura ] a che serve la poesia? (Pubblicato il 03/02/2011 09:37:48 - visite: 1274) »