Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 44 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 2 07:27:22 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il poeta al servizio della poesia - Ricordando John Keas

Argomento: Letteratura

di Salvatore Armando Santoro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/08/2019 21:25:42

Il poeta al servizio della poesia era questo uno dei concetti molto sentiti da John Keats, una sorta di missione da sostenere e portare avanti a tutti i costi e lui, morto giovanissimo, lasciò un patrimonio poetico immenso pur non avendo ricevuto in vita ne meriti e neppure onori per i suoi scritti.

Per questo io odio i critici e detesto gli editori, tutti presi dal guadagno, e che spesso ignorano le tante penne illustri che vi sono anche tra i dilettanti e che poi avidamente "spolpano" quando da morti si accorgono che le loro opere sono dei veri capolavori di letteratura.

Ma ormai il dio  denaro impera ed i grandi mecenati di un tempo non esistono più. Oggi è il profitto facile e immediato quello che conta. Della cultura a nessuno interessa più e le grosse case editrici pubblicano volumi su volumi di attori squallidi, di calciatori ignoranti ma imbottiti di denaro e di adulatori che osannano il potere ed i potenti.

Per questo mi fa una rabbia immensa quando le grosse case editrici italiane si affannano a riprodurre le opere dei tanti grandi che i loro pari hanno lasciato vivere nella miseria e morire di inedia.

Una traduzione in italiano delle opere di Keats è sicuramente un fatto encomiabile ma ricordiamoci che la traduzione letterale di certe poesie sminuisce di molto la resa nella forma e che bisogna sempre modulare le traduzioni ricercando di adottare una terminologia poetica aderente a quello che l'autore voleva esprimere nella sua lingua. E spesso non a tutti quest'opera di interpretazione riesce. Quindi occorre plaudire sempre coloro che cercano di dare un contributo nuovo all'approfondimento della poetica di questo grande autore inglese o di altri suoi contemporanei.

, una sorta di missione da sostenere e portare avanti a tutti i costi e lui, morto giovanissimo, lasciò un patrimonio poetico immenso pur non avendo ricevuto in vita ne meriti e neppure onori per i suoi scritti.

Per questo io odio i critici e detesto gli editori, tutti presi dal guadagno, e che spesso ignorano le tante penne illustri che vi sono anche tra i dilettanti e che poi avidamente "spolpano" quando da morti si accorgono che le loro opere sono dei veri capolavori di letteratura.

Ma ormai il dio  denaro impera ed i grandi mecenati di un tempo non esistono più. Oggi è il profitto facile e immediato quello che conta. Della cultura a nessuno interessa più e le grosse case editrici pubblicano volumi su volumi di attori squallidi, di calciatori ignoranti ma imbottiti di denaro e di adulatori che osannano il potere ed i potenti.

Per questo mi fa una rabbia immensa quando le grosse case editrici italiane si affannano a riprodurre le opere dei tanti grandi che i loro pari hanno lasciato vivere nella miseria e morire di inedia.

Una traduzione in italiano delle opere di Keats è sicuramente un fatto encomiabile ma ricordiamoci che la traduzione letterale di certe poesie sminuisce di molto la resa nella forma e che bisogna sempre modulare le traduzioni ricercando di adottare una terminologia poetica aderente a quello che l'autore voleva esprimere nella sua lingua. E spesso non a tutti quest'opera di interpretazione riesce. Quindi occorre plaudire sempre coloro che cercano di dare un contributo nuovo all'approfondimento della poetica di questo grande autore inglese o di altri suoi contemporanei.

(Salvatore Armando Santoro)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Armando Santoro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Armando Santoro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] La rivincita della poesia (Intervista ad Armando Santoro) (Pubblicato il 29/08/2019 21:44:04 - visite: 71) »

:: [ Politica ] Politici nuovi (Pubblicato il 25/01/2018 10:11:56 - visite: 278) »

:: [ Letteratura ] Scrivere Poesie (Pubblicato il 25/01/2018 09:58:24 - visite: 176) »

:: [ Letteratura ] Perché scriviamo poesie (Pubblicato il 25/01/2018 09:57:05 - visite: 275) »

:: [ Letteratura ] Fiata, fiate, Bembo e la questione della lingua (Pubblicato il 21/11/2017 12:26:57 - visite: 290) »

:: [ Letteratura ] Alle origini della nascita della lingua italiana (Pubblicato il 21/11/2017 09:04:54 - visite: 128) »